Iscriviti

Spagna: organizza una partita di calcio infetti contro non infetti. Denunciato

In Spagna, a Pamplona, un giovane ragazzo di 23 anni ha organizzato una partita di calcio che vedeva contrapposte due squadre così designate: infetti da Coronavirus VS non infetti. Il giovane è subito stato denunciato.

Esteri
Pubblicato il 20 luglio 2020, alle ore 11:31

Mi piace
5
0
Spagna: organizza una partita di calcio infetti contro non infetti. Denunciato

È proprio il caso di dirlo: il Coronavirus ha dato alla testa. In una situazione ancora di estrema emergenza sanitaria nel mondo, con il mostro invisibile e letale che continua a mietere vittime e contagiati, con restrizioni e regole da rispettare ancora in atto e soprattutto con l’Organizzazione Mondiale della Sanità che assicura che il peggio deve ancora venire e con nuovi focolai che stanno scoppiando ovunque, un ragazzo si è reso protagonista di un gesto che gli è valsa la denuncia.

Andando con ordine, il caso è avvenuto in Spagna a Pamplona, dove un giovane ragazzo di 23 anni ha organizzato una partita di calcio suddividendo le due squadre in infetti e non infetti. E mentre in tutto il paese il numero dei contagiati è tornato a salire, con la situazione che dunque torna a farsi complicata, il ragazzo ha deciso di contrapporre i positivi al Covid-19 ai non positivi.

E non è tutto, con estrema noncuranza del rischio, dell’impossibilità di organizzare un evento del genere e soprattutto dei divieti assolutamente in atto, il ragazzo ha addirittura pubblicizzato l’evento sui social. La traccia tangibile e palese lasciata ha fatto sì che le forze dell’ordine rintracciassero e bloccassero subito il 23enne, impedendogli di realizzare una vera e propria bravata che avrebbe potuto costargli molto cara e soprattutto che avrebbe potuto innescare un nuovo e pesantissimo focolaio. 

Il paradosso curioso è che il match sarebbe stato organizzato a scopo benefico, un modo per poter aiutare tutte le persone colpite da Coronavirus. Le forze dell’ordine sono subito intervenute e hanno fermato il tutto, visto che il match infetti VS non infetti si sarebbe tenuto il 20 luglio a Mendillori, uno dei quartieri di Pamplona più colpiti dal Covid.

La vicenda è assolutamente paradossale e se si considera lo scopo dell’incontro, le persone coinvolte e il quartiere dove avrebbe dovuto aver luogo, ecco che al grottesco non c’è mai fine. Naturalmente l’organizzatore è stato denunciato, aggiudicandosi una multa dal valore di 3000 euro

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tonia Sarracino

Tonia Sarracino - Personalmente credo che questo ragazzo abbia commesso un errore non grave ma gravissimo. Avrebbe potuto creare una vera e propria strage e la cosa che più mi lascia basita è la noncuranza e la totale assenza, anche solo della percezione del pericolo corso. Mi meraviglio però anche di tutti coloro che hanno accettato di partecipare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!