Iscriviti

Shock in India: trovato un feto nella pancia di un neonato di 20 giorni

Un bimbo di soli 20 giorni è stato portato in ospedale per via della sua pancia particolarmente gonfia. A seguito degli accertamenti diagnostici, i medici hanno scoperto che nell’addome del neonato era presente un altro feto.

Esteri
Pubblicato il 15 marzo 2018, alle ore 14:29

Mi piace
17
0
Shock in India: trovato un feto nella pancia di un neonato di 20 giorni

In taluni casi anche la natura è in grado di tirarci dei brutti scherzi. Durante il XVI e il XVII secolo, i naturalisti erano soliti chiamare tutti gli eventi naturali fuori dal comune con il termine lusus naturae. E avrebbero probabilmente utilizzato questa espressione anche per il caso di un neonato indiano di soli 20 giorni.

Per la piccola creatura in questione, i primi giorni di vita si erano susseguiti senza nessun particolare problema. L’unica anomalia che destava le preoccupazioni dei giovani genitori era un pronunciato gonfiore addominale. Per togliersi ogni dubbio, la coppia ha deciso di portare il figlio presso l’ospedale di Ahmedabad.

Dopo i primi accertamenti, a mamma e papà è stato comunicato un referto alquanto scioccante: quello che avevano di fronte era un caso di fetus in fetu, in altre parole di feto all’interno di un altro feto. Il chirurgo gastrointestinale Bhavin Vasavada lo ha appurato per mezzo di una Tac dalla quale è risultata la presenza di un corpicino nell’addome. Il feto era pressoché formato ad eccezione di una mano che non si era sviluppata.

L’anomalia denominata fetus in fetu si genera durante le gravidanze gemellari. La rarissima malformazione dello sviluppo embrionale determina la crescita di un embrione all’interno del fratello gemello che si sviluppa correttamente. Il feto più piccolo difficilmente riesce a seguire un processo di crescita regolare: nella maggior parte dei casi rimane privo della colonna vertebrale o degli arti.

Per porre rimedio alla situazione, il neonato è stato sottoposto ad un delicata operazione chirurgica grazie alla quale è stato rimosso il fratellino. A portare a termine con successo l’intervento ci ha pensato lo stesso professor Vasavada.

Solitamente i sintomi più comuni associati al fetus in fetu sono l’ittero, il gonfiore addominale, il vomito e una anomala pressione sui reni. In taluni casi non crea però alcuna sintomatologia, passando quindi del tutto inosservato. È questo il caso di una donna accortasi del gemello “parassita” all’età di 45 anni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - La natura più di una volta è stata in grado di riservarci delle anomalie davvero molto bizzarre. Questa in cui è rimasto coinvolto il neonato indiano è veramente molto particolare. Per fortuna si è riusciti ad estrarre il gemello che suo malgrado non avrà mai modo di vivere. Non avendo seguito un processo di crescita regolare, ha però avuto la fortuna di essere “accudito” per qualche tempo dal fratello più grande.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!