Iscriviti

Regno Unito: più di 2 mila chilometri in auto per vaccinare la figlia di 9 anni dal Kent in Lombardia

Alice Colombo è un'italiana 44 enne che vive nel Regno Unito, ha percorso in auto 1300 km dal Kent a Desio per far vaccinare la sua bambina di 9 anni contro il Covid.

Esteri
Pubblicato il 8 gennaio 2022, alle ore 18:15

Mi piace
0
0
Regno Unito: più di 2 mila chilometri in auto per vaccinare la figlia di 9 anni dal Kent in Lombardia

Una storia stupenda, quella di una famiglia italiana che vive a Maidstone, nel Kent, una cittadina di oltre 100mila abitanti nel Regno Unito. Non appena in Italia è stato dato il via libera alla vaccinazione anche dei bambini, mamma e papà hanno deciso di venire in Italia e, sfruttando la cittadinanza italiana dell’uomo, di far vaccinare nel nostro Paese la loro figlia di 9 anni.

Così mamma, papà e la piccola hanno attraversato la Manica e 2 frontiere per portare la bambina in un ospedale lombardo e farla vaccinare contro il Covid.

Il racconto della donna alla Bbc

La mamma della bimba, Alice Colombo è un’italiana 44 enne che vive nel Regno Unito, dove lavora nella sanità pubblica, e ha deciso di tornare in Italia, affrontando un viaggio lungo 1.300 km e 13 ore per raggiungere l’ospedale di Desio. Lei che crede nella scienza e nel vaccino e che ha completato la campagna vaccinale, ha deciso di dare la stessa opportunità anche alla figlia, viaggiando in auto, piuttosto che in aereo o in treno, per evitare possibili contagi.

“Perché non dovrei proteggere quanto ho di più prezioso al mondo, mia figlia? – ha spiegato la donna alla tv inglese -. Non voglio rischiare che fra cinque, dieci o quindici anni lei mi dica: ‘mamma, ho problemi di cuore, ai polmoni, perché non hai fatto il possibile per proteggermi?'”. Alice e la sua bambina sono arrivate in Italia all’inizio di dicembre. La piccola ha ricevuto anche la seconda dose e adesso stanno per ritornare in Inghilterra dove, lunedì 10 gennaio, la bimba andrà a scuola. Colombo ha detto che la decisione non è stata presa alla leggera: “Ho guidato attraverso il traforo del Monte Bianco, c’era neve. Preferisco fidarmi della scienza più che accettare un virus di cui sappiamo poco, soprattutto delle sue conseguenze nel lungo periodo”.

Il sindaco di Desio, Simone Gargiulo, con un post sul suo profilo Facebook , ha dichiarato:”Un onore sentir parlare del nostro ospedale ai tg e sulle testate nazionali .Pensate che la prima a raccontare la vicenda è stata la Bbc. Tredici ore di viaggio in auto, 1.200 km, due frontiere attraversate per permettere alla figlia, con doppia cittadinanza visto che il papà è brianzolo, di essere vaccinata contro il covid 19 all’ospedale di Desio dove tutto è filato liscio, grazie ai nostri medici e infermieri”.

Nel Regno Unito al momento il vaccino si dà ai minori di 12 anni solo se clinicamente vulnerabili. In Italia, invece, dal 16 dicembre sono aperti gli hub dedicati ai bambini per ricevere il vaccino.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una storia toccante nella quale il senso di responsabilità della mamma nei confronti della figlioletta appare in tutta la sua singolare tenerezza. Gesti come questo sono eccezionali. I miei complimenti a questa donna eccezionale e alla piccoletta che ha potuto ricevere le due dosi vaccinali in Italia a 9 anni (cosa che in Regno Unito non è possibile).

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!