Iscriviti

Regno Unito, l’occhio del figlio lacrima: convinta avesse l’influenza avviene la scoperta choc

L'occhio del figlio di 4 anni continuava a lacrimare, ma i genitori erano convinti si trattasse solo di influenza stagionale. Successivamente la scoperta choc.

Esteri
Pubblicato il 22 novembre 2018, alle ore 13:30

Mi piace
1
0
Regno Unito, l’occhio del figlio lacrima: convinta avesse l’influenza avviene la scoperta choc

Una storia che arriva dal Regno Unito, dove la madre di Harri, un bambino di soli 4 anni, ha voluto raccontare quanto accaduto al proprio figlio per mettere in guardia tutti i genitori che potrebbero un giorno trovarsi nella sua stessa situazione. È iniziato tutto con l’occhio di Harri che iniziava a lacrimare come spesso accade ai bambini piccoli durante le influenze invernali, ma quello che è successo successivamente ha sconvolto l’intera famiglia.

Il calvario di Harri è stato molto lungo ma, così come la stessa madre racconta, lo ha affrontato sempre con il sorriso e con quella forza che solo i bambini hanno. Volato dal Regno Unito agli Stati Uniti, ora è in convalescenza con la speranza di essere riusciti a debellare quel male difficile da curare che si manifesta con sintomi silenziosi e poco identificabili.

Da un’influenza alla diagnosi di cancro

Carry, la mamma di 33 anni che è sempre stata al fianco di Harri, racconta di com’è iniziata la terribile storia che ha colpito la sua famiglia. Da qualche giorno, l’occhio del figlio di 4 anni stava lacrimando, ma sia lei che il marito James hanno dato la colpa ad una classica influenza che colpisce i bambini durante le prime fasi invernali dell’anno. Dopo qualche giorno però, non solo l’occhio non ha smesso di lacrimare, ma il viso di Harri si è gonfiato, da qui la loro corsa all’ospedale e la diagnosi choc: Harri è affetto dal sarcoma di Ewing.

Il sarcoma di Ewing è una patologia molto rara di neoplasia e di sarcoma che può interessare il tessuto osseo e in casi più rari le parti molli. 

Iniziano subito i cicli di chemioterapia per il piccolo Harri, seguiti dal volo della famiglia dal Regno Unito agli Stati Uniti, dove il bambino si è sottoposto ad un trattamento pionieristico. Qui si è sottoposto a varie radioterapie che utilizzano i protoni e non i raggi X.

Sono passati ora 9 mesi dall’inizio delle innumerevoli cure di Harri, ed ora si trova in convalescenza con la speranza di aver debellato una volta per tutte questo terribile male, mentre la mamma si è voluta fare carico di avvisare tutti i genitori, in particolare quelli dei bambini molto piccoli, a non sottovalutare mai questi silenziosi segnali che compaio sul corpo dei propri figli.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - La speranza è che il piccolo Harri riesca a guarire del tutto da questo terribile male. La sua forza e quella dei suoi genitori è davvero ammirevole, così come la decisione della madre di raccontare questa storia perchè possa essere d'aiuto ad altre famiglie che stanno vivendo una vicenda simile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!