Iscriviti

Regno Unito: bimba di 16 mesi uccisa con calci e pugni dalla fidanzata della madre

Star Hobson, una splendida bimba di 16 mesi, è stata uccisa con calci e pugni dalla fidanzata della madre, dopo mesi di abusi e umiliazioni. Il caso ha sconvolto il Regno Unito.

Esteri
Pubblicato il 15 dicembre 2021, alle ore 10:51

Mi piace
0
0
Regno Unito: bimba di 16 mesi uccisa con calci e pugni dalla fidanzata della madre

C’è un caso che ha letteralmente sconvolto il Regno Unito, quello della piccola Star Hobson, uccisa a calci e pugni dalla fidanzata della madre. Una morte atroce, che ha indignato l’opinione pubblica, al punto che il premier Boris Johnson ha twittato: “Quello che accaduto a Star Hobson è scioccante e da spezzare il cuore. Dobbiamo proteggere i bambini da questi crimini barbarici e garantire che le lezioni vengano apprese””. 

L’omicidio si è consumato nel 2020 ma ieri è arivato il verdetto per le colpevoli: Savannah Brockhill, 28 anni, pugile dilettante e guardia giurata, ha colpito a morte la bambina, figlia della sua fidanzata, Frankie Smith, 20 anni. Quest’ultima è stata assolta dall’accusa di omicidio colposo, ma è stata dichiarata colpevole dell’accusa minore di aver causato o consentito la morte della piccola.

La ricostruzione della tragedia 

I paramedici sono stati chiamati in un appartamento a Wesley Place e hanno scoperto il corpo di un bambina, apparentemente senza vita, con il volto pallido e con indosso solo un pannolino usa e getta. La bambina è stata portata all’Airedale General Hospital, ma le ferite subite da Star erano così gravi che i medici non hanno potuto far nulla per salvarle la vita.

È emerso, inoltre, che prima di telefonare ai soccorritori, sono passati almeno 15 minuti, nel corso dei quali su internet sono state effettuate ricerche quali “come far uscire un bambino dallo shock” oppure “shock nei bambini”. Smith e Brockhill erano le uniche adulte nell’appartamento in quel momento, sebbene fossero presenti altri 2 bambini piccoli. Dall’autopsia sul corpicino della povera bimba, è emerso he le lesioni le erano state inferte in momenti diversi e alcune di esse erano riconducibili a pugni o calci all’addome.

Oltre a fratture alla gamba destra, causate da una forte torsione, dall’esame autoptico sono emersi una frattura alla parte posteriore del cranio e lividi sul corpo. Prima del decesso, avvenuto a settembre 2020, Star aveva ricevuto abusi fisici per mesi. Gli investigatori hanno, in seguito, scoperto che le due documentavano i loro abusi con foto e video, a volte condividendo clip della piccola “esausta”, con effetti visivi e musica di sottofondo, sui social media. Si sentivano le donne ridere mentre filmavano Star che cadeva da una sedia o scendeva per le scale. Brockhill ha ammesso in seguito di averli trovati divertenti.

Dopo i verdetti, fuori dal tribunale, il bisnonno di Star, David Fawcett, ha affermato che Smith era stata manipolata dalla sua fidanzata, più grande di lei, dichiarando, inoltre: “È ascesa dalle viscere dell’inferno e ha completamente devastato e distrutto la nostra famiglia e la vita della povera piccola Star. Abbiamo visto Frankie coperta di lividi molto prima che le cose iniziassero a succedere con Star, quindi sapevamo che qualcosa non andava. Abbiamo fatto del nostro meglio, ma era isolata”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una morte terribile quella della piccola Star. Mi chiedo come si possa abusare e uccidere una bambina, con quale coraggio? Sarò pure spietata, ma mi auguro che chi ha commesso questi reati possa marcire in carcere. Sarebbe il minimo per quello che hanno provocato sul povero corpicino della bimba di 16 mesi!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!