Iscriviti

Parigi: uomo fa sesso durante il viaggio di lavoro e muore per un infarto

Questa vicenda si è risolta in tribunale, dove una sentenza definitiva ha costretto l'azienda per la quale ha lavorato l'uomo a risarcire la famiglia di Xavier X., in quanto trattasi di un incidente sul lavoro.

Esteri
Pubblicato il 12 settembre 2019, alle ore 23:42

Mi piace
1
0
Parigi: uomo fa sesso durante il viaggio di lavoro e muore per un infarto

In Francia si è verificata una vicenda molto particolare che riguarda il tradimento. Infatti, il famoso tabloid britannico intitolato “Mirror” ha posto l’accento intorno a un uomo che si è recato in trasferta per un viaggio di lavoro.

Durante questo impegno, l’uomo ha fatto sesso ed è morto per un infarto. Il nome della persona era Xavier X., un uomo sposato che ha voluto approfittare della solitudine e ha fatto sesso con una donna nella propria camera d’albergo.

La sentenza definitiva parla di un incidente sul lavoro

La scomparsa di Xavier è stata definita come “un incidente sul lavoro” e per questo motivo è stata chiamata in causa l’azienda per la quale ha lavorato il dipendente. Successivamente a quella sera, l’uomo è stato colpito da un infarto e la famiglia ha avuto diritto a ricevere una grossa somma di denaro dall’azienda presso la quale lavorava Xavier.

Sono state le sentenze definitive a parlare di incidente sul lavoro ed è stata ricostruita la vicenda. Xavier è stato impegnato in una cena di lavoro, nel corso della quale ha incontrato una donna che ha portato nella camera dell’hotel e con la quale ha fatto sesso. La serata, però, è culminata in una tragedia e non sono mancate le repliche dell’azienda che, in tribunale, tramite il proprio avvocato, ha voluto dare la propria versione dei fatti.

L’azienda si è impegnata in maniera particolare per fare in modo che venisse archiviato il caso visto come morte sul lavoro. Successivamente, è arrivata la risposta dei giudici che, attraverso varie sentenze, hanno sottolineato che la responsabilità riguardo a un dipendente in viaggio di lavoro è a carico del datore di lavoro, al di là di quanto succede prima e dopo l’orario del lavoro. Di conseguenza, la sentenza ha previsto che la famiglia dell’uomo ha diritto a beneficiare di un sussidio fino all’80% dell’ultimo stipendio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano Perrotta

Gaetano Perrotta - Non è facile giudicare questo tipo di vicenda e dovranno essere fatte delle indagini accurate, ma non c'è dubbio che ad aver vinto la causa è la famiglia dell'uomo venuto a mancare dopo aver fatto sesso con una donna nel corso di un viaggio di lavoro. Certamente l'azienda deve coprire le spese nel momento in cui un dipendente va fuori per un viaggio di lavoro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!