Iscriviti

Papa Francesco esprime dolore, vergogna e chiede scusa alle vittime degli abusi

Mentre Papa Francesco chiede scusa per i casi di pedofilia nella chiesa cilena, alcuni manifestanti contrari alla sua visita danno alle fiamme altre tre chiese.

Esteri
Pubblicato il 16 gennaio 2018, alle ore 15:48

Mi piace
7
0
Papa Francesco esprime dolore, vergogna e chiede scusa alle vittime degli abusi

Qui non posso fare a meno di esprimere il dolore e la vergogna che sento davanti al danno irreparabile causato a bambini da parte di ministri della Chiesa“. Papa Francesco, come era prevedibile, è andato giù dritto con le sue parole, toccando una delle piaghe più gravi della chiesa cilena: la pedofilia da parte di alcuni membri della chiesa.

Le scuse del Papa sono inserite nel contesto del discorso alle autorità e alla società civile del Cile presso il Palazzo della Moneda. Un forte applauso ha interrotto le sue parole, ma subito il Papa ha continuato formulando la richiesta di scuse: “Desidero unirmi ai miei fratelli nell’episcopato, perché è giusto chiedere perdono e appoggiare con tutte le forze le vittime, mentre dobbiamo impegnarci perché ciò non si ripeta“.

Il primo atto di Papa Francesco giunto a Santiago è stato quello di fermarsi, in un fuori programma significativo, a pregare sulla tomba del “Vescovo dei poveri“, monsignor Enrique Alvear Urrutia, nella parrocchia di San Luis Beltran. Il Vescovo, morto nel 1982, è amato da tutta la popolazione per aver sempre lavorato a fianco dei più deboli e bisognosi.

Mentre papa Francesco dava inizio al suo viaggio apostolico, altre tre chiese cattoliche, in Cile, venivano incendiate durante la notte. Già nei giorni scorsi, ancor prima del suo arrivo, alcuni manifestanti contrari alla visita del Papa ne avevano incendiate sei. La protesta continua.

A parlarne sono i media locali che riferiscono che due delle tre chiese colpite si trovano in una località a 700 km da Santiago, a Cunco, nella regione dell’Araucania, la stessa che papa Bergoglio visiterà nella giornata di domani. I vigili del fuoco ritengono che le due chiese siano state incendiate contemporaneamente. La terza chiesa incendiata, dedicata alla Madre della Divina Provvidenza, si trova a Puente Alto, in periferia di Santiago.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - L'espressione del bruciare, del dare alle fiamme, secondo me ha un significato molto grave e forte. E' quell'intenzione di non lasciar traccia dell'altro... e ciò è molto triste. Probabilmente non a tutti piace una chiesa che lotta per i diritti dei poveri e dei bisognosi. Probabilmente metterla a tacere è l'unico modo per gestire il potere senza controlli.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!