Iscriviti

Nicaragua: i vescovi non parteciperanno al "dialogo nazionale"

Invitati dalle due parti, dal Governo Ortega e dall'Alleanza civica, i vescovi scelgono di non partecipare all'incontro lasciando ai laici "la responsabilità di gestire gli affari temporali della nazione".

Esteri
Pubblicato il 9 marzo 2019, alle ore 09:35

Mi piace
10
0
Nicaragua: i vescovi non parteciperanno al "dialogo nazionale"

La Conferenza episcopale del Nicaragua ha preso la sua decisione; non invierà alcun rappresentante come testimone ed accompagnatore del “dialogo nazionale“, aperto il 27 febbraio a Managua, tra il Governo di Daniel Ortega e l’Alleanza civica. Quest’ultima rappresenta i diversi settori della società civile del Paese.

La decisione è stata diffusa con un comunicato su Twitter, dove si legge che i vescovi del Nicaragua hanno dichiarato che, anche se richiesto dalle parti, non parteciperanno al dialogo perchè “devono essere i laici ad assumere la responsabilità di gestire gli affari temporali della nazione in questo momento“. 

La decisione

L’arcivescovo di Managua, il card. Leopoldo Brenes, aveva incontrato i giornalisti il giorno prima, promettendo di dare i nomi dei vescovi rappresentati la Conferenza episcopale del Nicaragua all’incontro tra Governo e Alleanza civica; qui aveva ribadito l’importanza del saper ascoltare e mettere al primo posto i sentimenti, le attese e le richieste della popolazione da parte di tutti i partecipanti al dialogo nazionale.

Quattro giorni prima, però, i vescovi avevano divulgato la notizia di non partecipare al dialogo nazionale con un comunicato; riprendendo le parole della Gaudium et Spes, avevano spiegato: “il nostro principale contributo continuerà ad essere quello di accompagnare il popolo nelle sue sofferenze e i suoi dolori, le sue speranze e la sua allegria“.

Inizialmente, i vescovi speravano di essere invitati all’incontro tra il Governo Ortega e l’Alleanza civica; in seguito, però, pur appoggiando la ripresa del dialogo tra le due parti, i vescovi hanno riflettuto sui risvolti politici dovuti alla loro presenza e hanno cambiato idea. Temono, in modo particolare, di essere manipolati e sfruttati per tattiche e strategie politiche nascoste.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - I vescovi del Nicaragua non saranno fisicamente presenti "al dialogo nazionale", ma da questi loro comunicati s'intuisce la vicinanza e l'interesse per l'incontro. Penso che il non "mischiare" affari di politica con affari di Chiesa, se possibile, sia conveniente. La possibilità viene dalla responsabilità dei laici a far propria la scelta di una vita dignitosa per tutti, come suggerisce il Vangelo di Gesù.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!