Iscriviti

Messico, massacro di mormoni: molti erano bambini

In Messico una decina di mormoni statunitensi, tra cui anche diversi bambini, sono stati massacrati in una imboscata presso Bavispe: si pensa che la tragedia sia riconducibile ai cartelli della droga messicani.

Esteri
Pubblicato il 5 novembre 2019, alle ore 13:23

Mi piace
6
0
Messico, massacro di mormoni: molti erano bambini

Si pensa che le vittime siano membri della famiglia LeBaron, collegata a una comunità di mormoni separata che si stabilì in Messico diversi decenni fa. Il video della scena ritrae un’auto bruciata. Alcune vittime potrebbero essere state bruciate vive e molte altre persone sono scomparse. I media locali affermano che l’attacco possa derivare da un caso di scambio d’identità.

I membri della famiglia LeBaron sono stati citati dicendo che un gruppo di tre madri e i loro 14 figli erano partiti in un convoglio di auto da Bavispe nello stato di Sonora e si stavano dirigendo a La Mora nel vicino stato di Chihuahua.

Sono stati vittime di un’imboscata guidata da uomini armati a Bavispe. Un SUV bruciato è stato successivamente trovato sul lato della strada con i resti delle vittime. I familiari hanno detto che quelli all’interno del SUV erano Rhonita Miller LeBaron e i suoi quattro figli: due gemelli di sei mesi, un bambino di otto anni, e un bambino di 10 anni. Altre due donne e i loro 10 bambini sono stati colpiti mentre cercavano di fuggire.

Alcuni rapporti dicono che altri morti sono stati trovati in un’altra posizione, ma si ritiene che alcuni di coloro che sono fuggiti siano sopravvissuti. L’avvocato dello stato di Chihuahua ha dichiarato che il numero di morti non è stato ancora chiarito, i familiari parlano di nove persone uccise, mentre i media locali hanno riferito che il bilancio delle vittime potrebbe arrivare a 12.

La cugina di Rhonita Miller LeBaron, Julian LeBaron, l’ha definito “un massacro”. Si pensa che l’attacco sia stato condotto da un cartello della droga che opera tra i due stati. I governi di Chihuahua e Sonora hanno rilasciato una dichiarazione congiunta affermando che è stata avviata un’indagine e che ulteriori forze di sicurezza sono state inviate nell’area.

Le vittime sono membri di una comunità chiamata Colonia LeBaron, fondata da un gruppo mormone separatista nella prima metà del XX secolo, dopo che la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni negli Stati Uniti iniziò a reprimere la poligamia. La comunità ora include sia mormoni che cattolici che si sono stabiliti lì. I membri sono noti per aver resistito alle bande locali di droga e per aver parlato degli alti livelli di violenza dei cartelli.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giacomo Ligi

Giacomo Ligi - Quando avvengono questo tipo di disgrazie le parole sono inutili. Delle giovani vite sono state spente da persone perfide e senza alcun tipo di onore. Non ci rimane che stringerci in silenzio attorno alle famiglie distrutte sperando che i colpevoli vengano catturati e paghino per il resto dei loro giorni.

Lascia un tuo commento
Commenti
Beatrice Cinnirella
Beatrice Cinnirella

07 novembre 2019 - 10:34:33

Orribile!!!!

0
Rispondi