Iscriviti

Mangia un panino durante un volo e muore: quello che la fa allergia è impensabile

Natasha Ednan-Laperouse stava andando in Francia, da Londra. Niente hanno potuto fare i medici che l'hanno soccorsa. Sul decesso stanno indagando le autorità.

Esteri
Pubblicato il 26 settembre 2018, alle ore 07:52

Mi piace
2
0
Mangia un panino durante un volo e muore: quello che la fa allergia è impensabile

Su un volo di linea della British Arways una giovane ragazzina di 15 anni è morta per una reazione allergica dopo aver mangiato un panino a bordo dell’aereo. Durante il viaggio di ritorno in Francia, al termine di quattro giorni di vacanza con la famiglia in Inghilterra, la ragazza ha mangiato un panino con tracce di sesamo al quale era però allergica.

Nonostante la giovane sia stata soccorsa repentinamente si è solo potuto constatare il decesso presso l’ospedale di Nizza.
I fatti risalgono a due estati fa, ma se ne riparla perché nel Regno Unito c’è grande attesa per l’inizio del processo, che parte proprio in questi giorni.

A causare la morte un panino al sesamo

Poteva concludersi senza nessun intoppo la vacanza della 15enne Natasha Ednan-Laperouse che aveva trascorso a Londra metà settimana in compagnia del padre e di un amica.

La sfortuna della ragazza è stata però che durante il volo le sia venuta fame e per tale motivo abbia deciso di chiedere un panino alle hostess dell’aereo. Nel panino, venduto dalla compagnia, però c’erano tracce di sesamo, alimento al quale la ragazzina era allergica.

Dopo aver dato un paio di morsi la 15enne si è sentita male. Immediati i soccorsi, con il comandante che ha deciso anche di effettuare un atterraggio d’emergenza presso l’aeroporto più vicino, quello di Nizza. Una volta atterrati la ragazzina è stata portata in ospedale ma i medici altro non hanno potuto fare che constatare il decesso.

L’inchiesta e il processo

L’Unione Europea stabilisce l’obbligo di riportare sul davanti o sul retro della confezione tutti i tipi di allergeni contenuti, compreso il sesamo. Però pare, poiché è stata già aperta un’inchiesta, che per la produzione di alimenti sul luogo di vendita questa norma non vige.

Chi ha prodotto il panino, ovvero la Pret A Manger, ha posto le proprie scuse alla famiglia di Natasha ribadendo comunque che l’azienda è solita prestare attenzione a chi soffre di allergie alimentari.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonella D'amico

Antonella D'amico - E' un luogo comune sostenere che le allergie alimentari non siano pericolose ma cosi in realtà non è. Molte persone riescono ad evitare effetti collaterali assumendo farmaci. Se questo non avviene in modo tempestivo le conseguenze possono essere anche letali, come nel caso della povera Natasha. Per tale motivo sarebbe opportuno prestare la dovuta attenzione a chi è soggetto a tali reazioni ed indicare sempre nei cibi prodotti i possibili allergeni presenti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!