Iscriviti

Mako, la principessa ribelle del Giappone si è sposata e ha rinunciato al titolo reale

La principessa Mako del Giappone si è unita in matrimonio al suo borghese fidanzato rinunciando così al titolo reale e ad ogni forma di celebrazione formale

Esteri
Pubblicato il 27 ottobre 2021, alle ore 12:03

Mi piace
0
0
Mako, la principessa ribelle del Giappone si è sposata e ha rinunciato al titolo reale

Tokyo – La principessa Mako del Giappone, nipote dell’imperatore Naruhito, ha sposato colui che è stato il suo fidanzato fin dai tempi del college. Non scorre sangue reale nelle vene del marito, Kei Komuro, un borghese coetaneo, per sposare il quale la principessa ha rinunciato al suo titolo reale e ha affermato di essere determinata a costruire una vita felice con il suo “insostituibile” compagno. La legge giapponese, infatti, prevede che le donne della famiglia imperiale perdano il loro status se si uniscono in matrimonio a “gente comune”.

Mako ha deciso di rifiutare l’indennizzo di circa 152 milioni di yen spettante alle donne reali quando quando escono dalla famiglia di origine e ogni forma di cerimonia formale tipica dei matrimoni reali. Mako è la prima donna della famiglia reale ad aver rifiutato entrambe le usanze.

La coppia si trasferirà negli Stati Uniti, dove Komuro lavora come avvocato. Durante la conferenza stampa, Komuro ha promesso di proteggere e supportare Mako: Amo Mako. Voglio passare l’unica vita che ho con chi amo“, ha dichiarato. “Kei è insostituibile per me. Per noi, il matrimonio è una scelta necessaria per vivere prendendoci cura dei nostri cuori”, sono state le parole della principessa Mako. Ha anche aggiunto che le notizie “errate” su suo marito le hanno provocato “grande paura, stress e tristezza“.

La coppia, entrambi trentenni, si è sposata la mattina dopo la presentazione da parte di un funzionario dell’Agenzia della casa imperiale (IHA), responsabile della vita della famiglia, della documentazione a un ufficio locale che ha registrato il loro matrimonio.

Nel 2017 Mako e Komuro annunciarono il loro fidanzamento durante una conferenza stampa, e i sorrisi che si scambiarono conquistarono il cuore del Paese. Il matrimonio avrebbe dovuto essere celebrato l’anno seguente ma venne rinviato a causa dello scandalo finanziario che coinvolgeva la madre di Komuro, che lasciò il Giappone per studiare legge a New York, mantenendosi in contatto con Mako via internet.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rita Piras

Rita Piras - La reazione di alcuni media e parte del pubblico alla relazione tra la principessa Mako e Kei Komuro ha messo in evidenza la pressione che subiscono le donne della famiglia imperiale. La principessa Mako ha sofferto di disturbo da stress post-traumatico a causa delle forti critiche da parte dei media a seguito dell'annuncio del loro fidanzamento. Non è la prima donna della famiglia reale giapponese a subire questo tipo di pressioni: sua nonna, l'imperatrice emerita Michiko, ha perso temporaneamente la voce quasi 20 anni fa quando i media la definirono inadatta ad essere la moglie di un imperatore. Sua zia, l'imperatrice Masako, soffriva di depressione dopo essere stata accusata di non riuscire ad avere un figlio. Le donne reali sono costrette a soddisfare determinate aspettative: devono sostenere i loro mariti, dare alla luce un erede ed essere custodi delle tradizioni giapponesi. Se falliscono, vengono ferocemente criticate.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!