Iscriviti

La sonda della Nasa, Voyager 2, dice addio al Sistema Solare

La sonda Voyager 2, che lasciò la Terra nel 1977, è diventata il secondo oggetto creato dall'uomo appositamente per lasciare il nostro Sistema Solare e andare in altre galassie.

Esteri
Pubblicato il 11 dicembre 2018, alle ore 01:05

Mi piace
3
0
La sonda della Nasa, Voyager 2, dice addio al Sistema Solare

Fu lanciato 16 giorni prima del Voyager 1, ma la traiettoria più veloce di quella sonda significò che era nello spazio tra le stelle sei anni prima della Voyager 2. La notizia è stata rivelata alla riunione della American Geophysical Union (AGU) a Washington. E il capo scienziato della missione, il prof. Edward Stone, lo ha confermato.

Ha detto che entrambe le sonde avevano fatto lo spazio interstellare e che la data di partenza della Voyager 2 dal Sistema Solare era il 5 novembre 2018. In quella data, il flusso costante di particelle emesse dal Sole, che venivano rilevate dalla sonda, si abbassò improvvisamente. Ciò indicava che aveva attraversato l’eliopausa (il termine per il bordo esterno della bolla protettiva del Sole, fatta di particelle e campo magnetico). E, mentre la sua doppia imbarcazione la supera in questo limite, l’agenzia spaziale statunitense afferma che la Voyager 2 dispone di uno strumento di lavoro a bordo che fornirà le prime osservazioni del suo genere sulla natura di questo gateway nello spazio interstellare.

Voyager 2: l’inizio di un nuovo viaggio?

La posizione attuale della sonda è di circa 18 miliardi di km dalla Terra, e si sta muovendo a circa 54.000 km/h. La Voyager 1 è ancora più veloce, a 22 miliardi di km di distanza, e 61.000 km/h di velocità. I Voyager furono inizialmente inviati a studiare i pianeti esterni, ma poi continuarono ad andare avanti.

Il Prof. Stone ha detto che, all’inizio della missione, il team non aveva idea di quanto tempo ci sarebbe voluto per raggiungere il bordo della bolla protettiva del Sole, o eliosfera. “Non sapevamo quanto fosse grande la bolla, quanto tempo ci sarebbe voluto per arrivarci e se la navicella spaziale sarebbe durata abbastanza a lungo”, ha aggiunto. “Ora stiamo studiando il mezzo interstellare molto locale”. Gli scienziati definiscono il Sistema Solare in modi diversi, quindi il Prof. Stone è sempre stato molto attento a non usare la frase esatta “lasciare il Sistema Solare“. in relazione alla sua navicella spaziale.

È consapevole che le sonde della NASA devono ancora attraversare la nube di Oort. dove ci sono comete legate gravitazionalmente al Sole, anche se molto vagamente. Ma, ora, entrambe le sonde Voyager si trovano in un nuovo dominio spaziale inesplorato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Un'altra sonda che lascia il nostro Sistema Solare. Chissà cosa ci aspetta all'esterno del nostro piccolo "mondo". Esisteranno altri esseri viventi come noi? Esisteranno altri pianeti come la Terra? Esisteranno altri Soli e altre Lune? È tutta un'incognita: non vedo l'ora che si possano avere più notizie riguardo alle scoperte.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!