Iscriviti

Kazakistan, folla inferocita distrugge appartamento di un pedofilo: ha rapito e violentato una bambina di 5 anni

Una folla inferocita ha distrutto l'appartamento di un pedofilo e chiede alla polizia che venga lasciato a loro per un linciaggio. L'uomo ha rapito e violentato una bambina di 5 anni e secondo le leggi del Kazakistan rischia la castrazione chimica.

Esteri
Pubblicato il 26 luglio 2020, alle ore 12:40

Mi piace
3
0
Kazakistan, folla inferocita distrugge appartamento di un pedofilo: ha rapito e violentato una bambina di 5 anni

Un terribile episodio di violenza su minore in Kazakistan ha scatenato l’ira della folla, che ha devastato l’appartamento di un pedofilo e chiesto che venga lasciato al linciaggio della folla.

L’orribile vicenda ha avuto luogo nella città di Satpayev, dove qualche giorno fa un uomo ha denunciato la scomparsa della sua bambina di soli cinque anni. Una enorme folla di volontari si è subito prodigata nelle ricerche della bambina, e tra i posti immediatamente visitati c’era proprio la casa del pedofilo in questione. La bambina non è stata immediatamente individuata perché l’uomo l’aveva legata, imbavagliata e nascosta dentro il divano al momento della prima visita del gruppo di ricerche.

Dopo la polizia ha iniziato a chiamare il nome della piccola con i megafoni, ed hanno sentito il pianto disperato della bambina provenire dall’appartamento del 62enne. Gli agenti hanno buttato giù la porta e trovato la bambina nuda e legata con nastro adesivo.

La piccola è stata immediatamente soccorsa e portata in ospedale, dove i dottori hanno purtroppo confermato l’avvenuta violenza sessuale nei suoi confronti. Il sospettato è stato arrestato con accuse di rapimento e stupro e portato alla stazione di polizia, mentre la folla inferocita distruggeva con violenza il suo appartamento.
La folla ha poi seguito i poliziotti fino alla stazione, dove hanno richiesto che il pedofilo fosse lasciato a loro per un linciaggio.

Il capo dell’unione avvocati del Kazakistan, Serik Berkamalov, ha commentato: “La prima reazione alla violenza verso bambini piccoli è naturalmente la più violenta ed istintiva, sparare a vista, linciarlo. Non nascondo che, da padre, anche io provo queste sensazioni. Siamo umani. Posso capire la folla che vuole linciarlo, ma non posso supportarla.

Le leggi contro la pedofilia sono state indurite in Kazakistan e, se condannato, l’accusato rischia la castrazione chimica. Zoya Manaenko, infermiera 68enne che somministra la castrazione chimica ai pedofili, sostiene che anche i paesi occidentali dovrebbero seguire l’esempio kazako.Queste persone devono essere fermate in qualche modo“, ha detto la donna, che lavora in un ospedale-prigione. “Commettono crimini atroci nei confronti dei bambini. Quindi è giusto che la legge permetta la castrazione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Un crimine assolutamente inaccettabile: concordo che queste persone vadano fermate con ogni mezzo a disposizione, visto che non sono riabilitabili e non voglio che vengano rimesse in società, libere di compiere nuovamente atrocità del genere nei confronti dei bambini. Sono d’accordo con la castrazione chimica e vorrei che fosse inserita anche da noi: è l'unico modo per evitare che possa succedere nuovamente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!