Iscriviti

India: distrutte le statue di Gesù e le effigi di Babbo Natale

Violento attacco in India nella notte di Natale, dove un gruppo di estremisti indù ha distrutto la statua di Gesù e incendiato l'effigie di Babbo Natale

Esteri
Pubblicato il 28 dicembre 2021, alle ore 13:26

Mi piace
2
0
India: distrutte le statue di Gesù e le effigi di Babbo Natale

I Cristiani continuano ad essere perseguitati nel mondo, come dimostra l’ultimo violento attacco in India, dove un gruppo di estremisti indù ha interrotto bruscamente le celebrazioni religiose del Santo Natale, distruggendo la statua di Gesù di Nazareth ad Ambala nello Stato dell’Haryana, e incendiando l’effigie di Babbo Natale ad Agra, nello Stato dell’Uttar Pradesh.

È successo nella chiesa del Santo Redentore dove erano appena terminate le preghiere a causa delle restrizioni Covid, quando la furia iconoclasta di due persone, riprese dalle telecamere di sorveglianza, si è abbattuta sulle immagini sacre, attaccando nel cuore della notte i simboli evocativi del credo religioso, sfregiando la speranza di una divinità che si fa piccola per avvicinarsi agli uomini, agli sfollati, ai perseguitati, ai poveri, agli emarginati, agli ultimi.

Inoltre, nell’Assam due individui con vestiti color zafferano, simbolo del nazionalismo indù, hanno fatto irruzione in una chiesa presbiteriana costringendo tutti gli indù presenti ad uscire, mentre altri attivisti in altri luoghi sacri gridavano a squarciagola lo slogan “fermiamo le conversioni” o “morte ai missionari”. 

“Quando arriva dicembre, i missionari cristiani si attivano per il Natale e per il Capodanno” ha dichiarato il segretario generale nell’Uttar Pradesh del partito induista di estrema destra Bajrang Dal, Ajju Chauhan, aggiungendo infine che “attraggono i nostri figli dicendo che Babbo Natale porterà loro regali, per attrarli verso la cristianità”.

Attualmente, circa il 2% della popolazione indiana è cristiana, ma negli ultimi anni sono aumentati gli attacchi da parte degli estremisti indù, soprattutto da quando è salito al potere il partito nazionalista indù Bjp, e secondo un rapporto dell’associazione Persecution Relief si sono moltiplicati anche gli attacchi contro i musulmani, dimostrando di essere chiari segnali di intolleranza, di assenza di rispetto, di regressione culturale e sociale, e di folle persecuzione, i quali potrebbero celare un disegno belligerante ben ordito e pericoloso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossana Lucente

Rossana Lucente - Non è cambiato nulla dal Medioevo, quando i monaci basiliani provenienti dalla Grecia orientale, proprio a causa dell'iconoclastia imperiale bizantina, sono stati costretti a rifugiarsi nell'Italia Meridionale o quando gli albanesi perseguitati dai Turchi sono stati costretti ad emigrare al Sud, sino all'eccidio dei Valdesi a Guardia Piemontese da parte della Chiesa Romana.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!