Iscriviti

Incendi in Amazzonia: la deforestazione ha raggiunto livelli allarmanti, Bolsonaro incolpa l’Europa

Nuove immagini drammatiche hanno mostrato incendi che dilagano su vaste aree dell'Amazzonia, quasi un anno dopo che le fiamme in tutta la regione hanno scatenato una crisi internazionale per il governo di estrema destra del presidente Jair Bolsonaro.

Esteri
Pubblicato il 18 luglio 2020, alle ore 15:01

Mi piace
4
0
Incendi in Amazzonia: la deforestazione ha raggiunto livelli allarmanti, Bolsonaro incolpa l’Europa

Le fotografie e le immagini video degli incendi sono state filmate il 9 luglio durante un volo di Greenpeace su una vasta area di foresta nello stato del Mato Grosso, nel sud dell’Amazzonia. Questo proprio mentre sta iniziando la stagione secca, cosa che accresce i timori che gli incendi di quest’anno possano essere devastanti e forse peggiori di quelli dell’anno scorso.

È stato scioccante vedere le dimensioni dell’attuale deforestazione e degli incendi, in un momento in cui il governo sta diminuendo la protezione dell’ambiente“, ha affermato Rômulo Batista, anziano attivista di Greenpeace, che ha trascorso giorni sorvolando una vasta area. “È l’inizio della stagione secca e abbiamo visto incendi e aree vastissime già pronte per la deforestazione“.

Inoltre molte aree sono state recentemente convertite in pascolo, causando un’ulteriore danno alla foresta amazzonica. Altre foto mostrano alberi abbattuti ammucchiati pronti per bruciare e incendi che infuriano vicino a Juara, conosciuta come la capitale del bestiame. Gli agricoltori tradizionalmente bruciano le aree disboscate dell’Amazzonia durante la stagione secca.

Il numero di incendi dell’anno scorso è stato il più alto dal 2010. Hanno abbattuto la foresta e l’hanno fatta seccare sotto il sole. Quando tutto è secco, hanno ammucchiato legna e sterpaglia e hanno appiccato il fuoco“, ha detto Batista, che aggiunge che sempre più aree vengono disboscate con il fuoco.

Il governo di Bolsonaro, nel frattempo, ha smantellato le agenzie di protezione ambientale, licenziando funzionari chiave e riducendo la quantità di multe imposte per crimini ambientali dall’agenzia ambientale IBAMA. L’anno scorso ha licenziato il capo dell’istituto di ricerca spaziale brasiliano, dopo aver definito “bugie” la denuncia per la crescente deforestazione.

Tuttavia, ha promesso di affrontare l’emergenza incendi. Giovedì Bolsonaro ha vietato gli incendi agricoli e forestali per 120 giorni. “Abbiamo iniziato a combattere questi incendi e anche se abbiamo agito in ritardo  siamo sicuri che ridurremo questa attività illecita entro il secondo semestre dell’anno“, ha dichiarato Mourão al senato brasiliano martedì.

Ma i dati ufficiali mostrano che gli sforzi del governo brasiliano per ora non sono riusciti a portare risultati. Il Brasile ha visto più incendi in Amazzonia questo giugno rispetto a qualsiasi altro anno dal 2007. L’agenzia di ricerca spaziale INPE del Brasile ha rilevato che la deforestazione da gennaio a giugno di quest’anno è aumentata del 25% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Il governo brasiliano sta subendo una crescente pressione da parte di investitori internazionali e società brasiliane. Il 23 giugno gli investitori internazionali che gestiscono migliaia di miliardi di dollari in attività hanno messo in guardia il Brasile dall’escalation della deforestazione e dallo “smantellamento” delle politiche di protezione dell’ambiente e delle comunità indigene.

Il 7 luglio, amministratori delegati di 39 società tra cui Microsoft, Ambev, Shell e primarie banche come Santander hanno espresso preoccupazione per “l’impatto sul business dell’attuale percezione negativa che il Brasile ha all’estero in relazione alle questioni socio-ambientali in Amazzonia“.

Ma Mourão ha affermato che per controllare la deforestazione il Brasile deve regolare la caotica proprietà terriera in Amazzonia. Il governo prevede un decreto per autorizzare la regolarizzazione a distanza di 97.000 titoli di terreni, che secondo gli ambientalisti significa premiare i ladri di terreni con titoli legali.

Mentre Mourão ha raggiunto un tono più moderato, Bolsonaro durante la trasmissione Facebook Live di giovedì sera ha affermato che gli attacchi alla fatiscente protezione amazzonica del Brasile sono stati motivati ​​dalla rivalità commerciale. “Il Brasile è una potenza agroalimentare e l’Europa è una setta ambientale. Non preservano nulla“, ha detto Bolsonaro, aggiungendo poi: “e ci criticano ingiustamente tutto il tempo. Perché? È una battaglia commerciale“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Silvana Franchini

Silvana Franchini - Bolsonaro sta risparmiando massicciamente sul welfare, smantellando anche i presidi sanitari che i governi socialisti di Lula e Rousseff stavano estendendo tra le favelas e nelle aree indigene, sta continuando a negare la feroce deforestazione che ci priva del più grande polmone verde di cui il pianeta dispone, sta aggredendo l’habitat dell’Amazzonia con politiche devastanti per l’ambiente, mirate unicamente a sfruttarne le risorse.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!