Iscriviti

Il piccolo Eitan torna a casa, in Italia, dalla zia paterna: lo ha deciso il giudice di Tel Aviv

Il piccolo Eitan era stato portato in aereo, senza permesso, in Israele dal nonno materno Shmuel Peleg lo scorso settembre dopo essere stato prelevato a casa a Pavia della zia Aya Biran. Il giudice di Tel Aviv ha stabilito che Eitan debba tornare in Italia.

Esteri
Pubblicato il 25 ottobre 2021, alle ore 19:06

Mi piace
0
0
Il piccolo Eitan torna a casa, in Italia, dalla zia paterna: lo ha deciso il giudice di Tel Aviv

Eitan era stato portato in aereo, senza permesso, in Israele dal nonno materno Shmuel Peleg lo scorso settembre dopo essere stato prelevato a casa a Pavia della zia Aya Biran.

Il piccolo tornerà in Italia dalla zia paterna in provincia di Pavia dove risiedeva abitualmente prima della tragedia del Mottarone che tolse la vita ai genitori e al fratellino, oltre alle altre vittime della rottura del cavo e della caduta della cabina lungo i pendii della montagna sopra Stresa.

La vicenda

In una recente intervista a La Stampa, la zia di Eitan, sorella della madre, aveva spiegato di voler adottare il piccolo. Gali, questo il suo nome, ha ricordato come la sorella fosse anche la sua migliore amica e che Eitan “è la cosa che più mi importa, l’unica che interessa a me e alla mia famiglia”.

In merito al rapporto con la famiglia paterna, aveva auspicato ad un raggiungimento di un accordo, dicendosi pronta, a nome della famiglia materna, a mettere tutto da parte. Gali aveva poi aggiunto che a loro dire, “per Eitan è meglio stare qui, in Israele, come volevano i suoi genitori, che gli hanno sempre detto che a breve sarebbero tornati”

A margine dell’udienza tenutasi a Tel Aviv, la nonna di Eitan, ex moglie dell’uomo che l’ha portato in Israele senza il permesso della famiglia paterna, ha detto che “l’Italia è responsabile della morte di mio padre, mia figlia e mio nipote. Non possono prendere anche lui“. L’ex signora Peleg ha poi dichiarato di essere stata esclusa dalla seduta da parte del giudice nonostante fosse la nonna del piccolo.

Eitan torna a casa. Lo ha deciso il giudice del Tribunale per la famiglia di Tel Aviv, in Israele, su richiesta della famiglia paterna del piccolo di sette anni rapito dal nonno, ex militare israeliano, e portato lontano dall’Italia senza avvisare nessuno. Lo riporta il Jerusalem Post. Eitan è l’unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone. Il verdetto del giudice, comunicato ai legali di entrambi le parti, potrà essere appellato. Per questo motivo, il rientro del piccolo in Italia potrebbe slittare ancora di un po’ di tempo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Finalmente una bella notizia. Eitan tornerà a casa dalla zia paterna. Questa vicenda ha lasciato col fiato sospeso tutti coloro che avevano a cuore le sorti del bambino, unico sopravvissuto della tragedia del Mottarone. Sono davvero felice per lui. Auguro a questo piccolo tantissima felicità, circondato da tanto affetto che lo aiuti, pian piano, a dimenticare quello che ha passato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!