Iscriviti

Halloween negli USA: bimba colpita da uno sparo mentre recitava dolcetto o scherzetto

Il fatto è successo a Chicago dove non è insolita la violenza con le armi da fuoco. La bimba si è trovata in mezzo alla sparatoria mentre girava per le case nella sera di Halloween.

Esteri
Pubblicato il 1 novembre 2019, alle ore 10:09

Mi piace
5
0
Halloween negli USA: bimba colpita da uno sparo mentre recitava dolcetto o scherzetto

Ha il sapore di un brutto scherzo ed invece è un fatto vero quello accaduto ieri sera, 31 ottobre 2019, tradizionalmente dedicato ad Halloween negli Stati Uniti e da qualche tempo anche in altri Paesi, tra cui l’Italia: una bambina uscita di casa per raccogliere dolcetti è stata colpita da un proiettile

L’episodio di violenza con utilizzo di armi da fuoco non è raro a Chicago, dove è accaduto il fatto. Sparatorie e episodi di violenza simili a quello di ieri sera sono una “vera e propria piaga della città”, si spiega su Ansa.it, dove si legge anche che la piccola “sarebbe la vittima involontaria di una sparatoria”, in quanto si sarebbe trovata per caso “nel mezzo di un gruppo di persone all’interno del quale improvvisamente qualcuno ha aperto il fuoco”.  

Dolcetto o scherzetto? Ecco cos’è successo

La piccola, di 7 anni appena, accompagnata dalla sua famiglia, era uscita di casa per fare il giro del vicinato per il tradizionale “dolcetto o scherzetto”. La serata di raccolta dolcetti tanto attesa si è però trasformata presto in una tragedia. Un proiettile ha colpito la bambina all’altezza della nuca.

La bambina, che cercava di spaventare e colpire la sua preda con uno scherzetto se non avesse ricevuto il dolcetto, è stata a sua volta colpita, ma da qualcosa di ben più pesante di uno scherzetto. Ferita alla nuca dal proiettile, è stata ricoverata in ospedale e, da quanto riferiscono i media, le sue condizioni sono piuttosto gravi.

La bimba per l’occasione della festa di Halloween si era travestita da ape, un insetto che fa più paura per il pungiglione che per il destino di morte cui ogni essere vivente è chiamato. È questo uno dei costumi più utilizzati dai bambini per sdrammatizzare la paura della morte, un costume che dice gioia più che tristezza nella serata dei “morti”. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - So che quanto successo ieri sera a Chicago, poteva succedere di giorno e in qualunque altra sera dell'anno, perciò il mio pensiero sulla prudenza nell'uscire di casa di sera, in una Città che usa "spensieratamente" armi da fuoco, è quasi inutile e sicuramente contestabile. Nonostante ciò io la penso così.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!