Iscriviti

GB: dimagrisce 51 chili per donare il rene a suo figlio gravemente malato

I medici l'avevano definito "troppo grasso" per potersi sottoporre all'intervento. Barry Stokes ha scelto così di iniziare una dieta, riuscendo a dimagrire 51 chili in un anno, per offrire il proprio rene al figlio gravemente malato.

Esteri
Pubblicato il 12 aprile 2018, alle ore 11:52

Mi piace
6
0
GB: dimagrisce 51 chili per donare il rene a suo figlio gravemente malato

Barry Stokes, un uomo britannico di anni 61, ha fatto il possibile per salvare la vita del figlio gravemente malato, affetto da un rara forma di cancro. Dopo anni di chemioterapie, il rene del giovane era andato fuori uso, ecco perché era importante un trapianto. Barry, si è proposto come donatore dell’organo, ma ha ricevuto un rifiuto dai medici: “Sei troppo grasso per sottoporti all’intervento“. L’uomo, che pesava 130 chili, non si è per nulla arreso, ha scelto di iniziare la dieta, ed è dimagrito 50 chili per suo figlio.

Alan, questo è il nome di suo figlio, è affetto dall’adolescenza da una forma rara di cancro, molto aggressivo. Per i dottori il giovane sarebbe vissuto solo pochi mesi. Ma Alan, ha 32 anni, ed un dottorato in Intelligenza Artificiale. Nonostante la forza di Alan, gli eccessivi cicli di chemioterapia negli anni hanno provocato un danno grave al rene.

I medici hanno così comunicato alla famiglia che avevano bisogno di un donatore, possibilmente un membro della famiglia. Suo padre Barry, si è subito proposto, senza pensarci, ma per i medici a causa del suo sovrappeso non era idoneo per l’intervento. La volontà e l’amore per il figlio erano troppo forte per arrendersi: “Se gli fosse successo qualcosa non me lo sarei mai perdonato” ha dichiarato l’uomo al Lancashire Post. Ecco perché ha iniziato un percorso composto da: attività fisica regolare e dieta.

In un anno Barry Stokes è dimagrito 51 chili. Ed è finalmente il donatore perfetto per suo figlio. Adesso la famiglia è in attesa dell’operazione, che permetterà ad Alan di avere un nuovo rene: “Sono pronto e sto aspettando” ha affermato con fierezza Barry. Nel percorso lungo e per niente facile, Barry è stato aiutato dalla sua famiglia, in particolare da sua moglie e sua figlia, che hanno scelto di intraprendere con lui questo cammino.”Il loro supporto è stato di grande aiuto, avrei avuto difficoltà a raggiungere l’obiettivo da solo“, ha spiegato Barry.

Adesso l’uomo promuove il centro che lo ha aiutato a perdere i chili di troppo, in quanto oltre ad essere un servizio gratuito, ha cambiato la sua vita in positivo. Infatti come spiega Barry, oltre a permettere la donazione del rene a suo figlio, le sue condizioni, visto il peso, mettevano a rischio anche la propria salute. “E’ un servizio gratuito della mia città che ha avuto un impatto enorme sulla mia vita”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - L'amore verso i propri figli o familiari può permettere cose straordinarie. Barry, oltre a salvare probabilmente la vita di suo figlio, ha inconsciamente salvato anche la sua, visto il peso in eccesso e i possibili rischi per la sua salute dovuti all'obesità. In un anno e con un percorso lungo e per nulla facile questa famiglia ha operato un grande cambiamento da prendere come esempio.

Lascia un tuo commento
Commenti
Sabrina Giorgi
Sabrina Giorgi

16 aprile 2018 - 14:00:35

Che storia commuovente.. solo un genitore può arrivare a tanto..

0
Rispondi