Iscriviti

Fuga dall’Afghanistan. Quale futuro per chi resta?

L'attenzione della opinione pubblica mondiale è concentrata su alcune migliaia di persone che riescono a fuggire dall'inferno afghano. Ma cosa si prospetta per chi è costretto a restare?

Esteri
Pubblicato il 26 agosto 2021, alle ore 11:18

Mi piace
0
0
Fuga dall’Afghanistan. Quale futuro per chi resta?

Per quanto possa sembrare ripugnante, la strada indicata dall’ex presidente del consiglio Giuseppe Conte non ha al momento alternative: con i talebani bisogna trattare. E non per mera real politik o per assicurarsi la pole position quando, prima di quanto si creda, si ricomincerà a parlare di affari, ma per quei milioni di persone che in Afghanistan dovranno continuare a vivere.

In questi giorni non si fa che parlare di alcune migliaia di uomini, donne e bambini che, più o meno fortunosamente, riescono a imbarcarsi su un aereo e a lasciarsi alle spalle un paese alla merce’ degli integralisti islamici.Si tratta di collaboranti, intellettuali, attivisti, personaggi pubblici  impegnati nella società civile afghana a vari livelli che hanno ragione di temere vendette o rappresaglie da parte dei nuovi padroni del paese.

Ma costoro e le loro famiglie, per quanto possa essere doloroso abbandonare tutto e dover ricominciare da zero in un paese sconosciuto, rispetto ai tanti che sono costretti a restare possono considerarsi baciati dalla fortuna.Il peggio è per chi non riesce o non può lasciare il paese, cioè per quei sedici milioni di uomini, donne e bambini che saranno costretti a vivere sotto il tallone del proclamato emirato islamico, in quali condizioni si può solo tentare di immaginarlo.

Le più penalizzate saranno ancora una volta le donne, le ragazze e le bambine che, per bene che vada, saranno costrette ad abbandonare il lavoro e la scuola per essere ricacciate in una condizione di schiavitù. Ma l’intera società afghana è destinata ad andare incontro a un peggioramento spaventoso delle già precarie condizioni di vita con i prezzi dei generi di prima necessità che andranno alle stelle, la disoccupazione che aumenterà in modo esponenziale, il livello di sussistenza che precipitera’ in modo inarrestabile. 

Senza parlare di tutta quella rete di servizi, in primis quelli sanitari e assistenziali, che, anche in conseguenza del depauperamento causato dalle tante risorse che hanno lasciato il paese, non saranno più in grado di funzionare a un livello minimo accettabile.

Per questo l’insistenza del leader dei cinque stelle sulla necessità di trattare appare giustificata e, almeno al momento, l’unica via praticabile.Su cosa e a quali condizioni, con quali strumenti e alleanze è tutto da stabilire, ma trincerarsi dietro la posizione di principio di chi sostiene che con i terroristi  non si tratta punto e a capo rischia di rivelarsi il peggiore dei mali.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Lucio Cattaneo

Lucio Cattaneo - Sul dramma dell'Afghanistan il focus dell'attenzione va spostato dai pochi fortunati che, seppure fortunosamente, riescono a lasciare il paese alla stragrande maggioranza della popolazione che in quello sfortunato paese dovrà continuare a vivere. Per questo una trattativa con i talebani, anche soltanto per mantenere nel paese un minimo di agibilità democratica e di tutela dei diritti civili, appare l'unica via praticabile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!