Iscriviti

Finlandia pronta per la guerra se la Russia dovesse attaccarla

Il generale Timo Kivinen ha assicurato che la Finlandia è pronta a combattere: il suo esercito è stato arruolato per decenni e opporrà una forte resistenza nel caso la Russia dovesse attaccarla

Esteri
Pubblicato il 23 giugno 2022, alle ore 11:49

Mi piace
0
0
Finlandia pronta per la guerra se la Russia dovesse attaccarla

Ascolta questo articolo

In un clima di tensioni sempre crescenti con la Russia, i paesi lungo la costa del Mar Baltico si preparano ad affrontare possibili attacchi da parte delle truppe di Putin. Ma a parte l’equipaggiamento militare, il generale finlandese Timo Kivinen ha affermato che un fattore cruciale è la motivazione a combattere dei finlandesi: “La linea di difesa più importante è dentro di te, come mostra l’attuale guerra in Ucraina“, ha detto Kivinen in un’intervista.

La Finlandia ha combattuto due guerre negli anni ’40 contro il suo vicino dell’est, con il quale condivide un confine di 1.300 km: circa 100.000 finlandesi morirono e la Finlandia perse un decimo del suo territorio. Dalla seconda guerra mondiale, Helsinki ha mantenuto un alto livello di prontezza militare. “Abbiamo sviluppato sistematicamente la nostra difesa militare proprio per questo tipo di guerra che si sta consumando in Ucraina, con un uso massiccio di potenza di fuoco, forze armate e anche forze aeree“, ha affermato Kivinen.

La nazione che conta 5,5 milioni di abitanti, ha circa 280.000 soldati in tempo di guerra e 870.000 addestrati come riservisti. Alla fine della Guerra Fredda non abolì il servizio militare obbligatorio per gli uomini, come fecero molte altre nazioni occidentali. Ha anche costruito una delle artiglierie più potenti d’Europa e si è dotato di missili da crociera con una portata fino a 370 km. Spende il 2% del suo PIL in difesa, un livello superiore a molti paesi della NATO.

La Finlandia ha ordinato quattro nuove navi da guerra e 64 caccia F-35 dal gigante della difesa statunitense Lockheed Martin. Ha in programma di ordinare fino a 2.000 droni e ha iniziato a costruire barriere al confine con la Russia. Circa l’82% degli intervistati in un sondaggio del ministero della Difesa finlandese ha affermato che sarebbe disposto a partecipare alla difesa del paese se la Finlandia venisse attaccata dalla Russia.

Un tempo la Finlandia era un paese non allineato, ma ora sta facendo domanda per entrare a far parte dell’alleanza militare della NATO temendo che la Russia possa invaderlo. L’adesione alla NATO consentirebbe alla Finlandia di aumentare la sua capacità di allerta precoce diventando parte del controllo congiunto dello spazio aereo dell’alleanza, ha affermato Kivinen.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rita Piras

Rita Piras - La guerra in Ucraina genera preoccupazione nei finlandesi, ci si interroga se il Paese sia in grado di reagire abbastanza rapidamente in caso di intrusione. Soprattutto se si considera il punto debole della difesa finlandese: l'arcipelago delle Aland nel Baltico dove la presenza militare è vietata da un trattato firmato con la Russia nel 1856. "E' il tallone d'Achille della difesa finlandese", ha detto Alpo Rusi, ex consigliere della presidenza del Paese.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!