Iscriviti

Coronavirus, uomo scala la parete dell’ospedale per vedere la madre affetta da covid: è commozione

A Hebron, Gerusalemme, un uomo ha compiuto un pellegrinaggio quotidiano, scalando tutti i giorni la parete dell'ospedale solo per stare vicino a sua madre affetta da Covid e ricoverata all'interno della struttura. Si accontentava di vederla dalla finestra.

Esteri
Pubblicato il 22 luglio 2020, alle ore 11:08

Mi piace
3
0
Coronavirus, uomo scala la parete dell’ospedale per vedere la madre affetta da covid: è commozione

Il Coronavirus è ormai sulla bocca di tutti. Il virus spietato, invisibile e letale in pochi mesi ha macinato vittime su vittime, cospargendo tanto dolore, sofferenza e problematiche di vario tipo con un lockdown che ha praticamente bloccato la vita di tutti. Il fenomeno è di portata epocale e di natura mondiale, con tutti gli individui che sono stati o rischiano di essere affetti dal Covid.

Negli ospedali si cerca di fronteggiare una situazione per la quale non si era preparati, con strutture adibite nel miglior modo possibile e soprattutto con il rispetto all’interno di esse di tutte le norme anti Covid, prima tra tutte quella di non poter mettere piede all’interno dell’ospedale. Difatti, solo il contagiato e il personale sanitario possono sostare nella struttura.

E così a Hebron, Gerusalemme, Jihad Al-Suwaiti ha scalato tutti i giorni la parete dell’ospedale per stare vicino a sua madre, una donna di 73 anni affetta da Coronavirus. L’uomo, non potendo entrare in ospedale e volendo comunque restare accanto all’anziana donna, si è reso protagonista di un gesto così commovente, solo per vegliare la mamma dalla finestra.

La donna è poi deceduta, non riuscendo a vincere la sua battaglia, ma durante il periodo in cui è stata ricoverata, tutte le sere suo figlio Jihad si arrampicava al muro dell’ospedale solo per farle capire che non era sola, che c’era lui a vegliare su di lei e che nonostante tutto non la abbandonava. L’uomo partiva tutti i giorni dalla sua città in Cisgiordania, Beit Awwa, raggiungeva l’ospedale, si arrampicava al muro e vegliava sua madre.

Il fatto è stato reso noto da Mohamad Safa, funzionario delle Nazioni Unite, il quale ha pubblicato la foto di Jihad che veglia sua madre e subito lo scatto ha fatto il giro del mondo, commuovendo e non poco. Le parole di Safa hanno spiegato il gesto, più unico che raro: “Il figlio di una donna palestinese che era stata contagiata dal Covid si è arrampicato fino alla stanza dell’ospedale dove lei si trovava per sedersi fuori e guardare sua madre ogni notte, finché non se n’è andata“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tonia Sarracino

Tonia Sarracino - Personalmente trovo che al giorno d'oggi un gesto del genere sia più unico che raro. E' impossibile trovare un figlio che faccia quello che questo ragazzo ha fatto per sua madre affetta da Covid. E' da ammirare il fatto che ogni sera si recasse in ospedale e scalasse le pareti della struttura.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!