Iscriviti

Coronavirus: secondo uno studioso spagnolo la pandemia era evitabile

Un eminente medico spagnolo, esperto in infezioni e attualmente impegnato nella lotto contro il coronavirus, lo afferma forte e chiaro: "Le misure restrittive sono arrivate troppo tardi". Si chiama Oriol Mitjá e assicura che "la pandemia era evitable"

Esteri
Pubblicato il 17 marzo 2020, alle ore 23:52

Mi piace
6
0
Coronavirus: secondo uno studioso spagnolo la pandemia era evitabile

Il Coronavirus sta lasciando dietro di sé una crisi sanitaria senza precedenti, che poteva essere evitata. È quanto sostiene Oriol Mitjà, eminente infettivologo spagnolo che lo ha detto forte e chiaro: “siamo arrivati troppo tardi“. Mitjá è anche ricercatore presso la fondazione Lotta contro l’HIV di Barcellona, e ha già affrontato più di un nemico invisibile all’occhio umano. Ha studiato virus e batteri di tutti i tipi, dalla Framboesia, malattia tropicale che genera malformazioni ossee e ulcere che deturpano il viso, fino alla sifilide e ora, ovviamente, il coronavirus. Ha studiato il COVID-19 da vicino e per questo assicura che “l‘epidemia era evitabile”.

In un’intervista al quotidiano El Paìs, ovviamente tramite cellulare e Skype, per ridurre al minimo i contatti e dare l’esempio, ha assicurato che “è mancata la capacità di anticipazione e di fare previsioni epidemiologiche di una pandemia evitabile. Non averla evitata ha avuto conseguenze per la salute pubblica e questa, in termini medici, è la definizione di negligenza”. Mitjà, che da settimane sta studiando l’evolversi della pandemia, consapevole dell’elevato rischio di trasmissione, è diventato il flagello, non solo di virus e batteri, ma anche delle autorità sanitarie che hanno gestito la crisi del coronavirus. Su Twitter ha chiesto le dimissioni del comitato di emergenza spagnolo.

È successo che, in base ai suoi studi, si era reso conto fin da subito che un solo caso di contagio in una sola città poteva seminare un’epidemia. “Quando ci sono 20 o 30 casi, è già inarrestabile e devono essere attuate strategie di controllo più aggressive”, ha spiegato. Ha parlato anche dei messaggi che arrivavano dalle autorità sanitarie: “Ci dicevano che era impossibile che arrivassero casi importati. Quando poi sono arrivati, ci hanno detto che non ci sarebbero stati casi autoctoni. E quando erano autoctoni, dicevano che le catene di trasmissione potevano essere fermate con strumenti di salute pubblica molto deboli, come l’isolamento di casi e contatti. Alla fine, l’epidemia è cresciuta”.

Secondo lui l’invito alla calma è stato un errore, ha pregiudicato un’adeguata pianificazione. Anche la comunicazione non trasparente è stata un errore, perché non ha permesso agli operatori sanitari di prepararsi e prendere decisioni prima che arrivasse la crisi, non durante. “E ora la situazione è grave perché abbiamo lasciato che l’epidemia si diffondesse troppoSiamo in una situazione critica, manca materiale medico, gli ospedali trasbordano, il numero di casi aumenta perché l’isolamento non è effettivo”, ha aggiunto.

Alla domandaIl virus è venuto per restare?“, il medico risponde senza tentennamenti:, ma spiega che nella prima ondata è più grave perché ci coglie impreparati, colpisce un numero maggiore di persone perché non abbiamo ancora sviluppato l’immunità. Inoltre, non abbiamo avuto il tempo per sviluppare farmaci o vaccini. Con l’arrivo dell’estate si spera in una diminuzione del tasso di trasmissione e “il prossimo inverno saremo preparati perché avremo protocolli, conosceremo il virus e avremo gli strumenti per combatterlo“, afferma fiducioso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rita Piras

Rita Piras - Oriol Mitjà parla della situazione nel suo paese, la Spagna, ma credo che sia esattamente la stessa cosa che è successa in Italia. La domanda nasce spontanea: Cosa si può fare ora? Oriol Mitjà propone misure ancora più drastiche per cercare di frenare la catena di trasmissione del virus, come "fermare tutto il lavoro, anche se comporta uno sforzo economico, per non prolungare l’agonia". Secondo l'eminente medico, se tutto viene eseguito per bene, si dovrebbe riuscire a rallentare significativamente la trasmissione nell'arco di due settimane trascorse le quali, superato il picco epidemico e ridato ossigeno agli ospedali, si potrà riaprire il paese pur con misure di precauzione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!