Iscriviti

Cina, scomparsa la tennista Peng Shuai: denunciò l’ex premier di violenza

La tennista cinese che, un po' di tempo fa, ebbe il coraggio di denunciare le violenze subite dall'ex vicepresidente della Repubblica popolare, è scomparsa dai radar con appelli che dilagano sui social per ritrovarla.

Esteri
Pubblicato il 15 novembre 2021, alle ore 13:52

Mi piace
0
0
Cina, scomparsa la tennista Peng Shuai: denunciò l’ex premier di violenza

Peng Shuai è una tennista di origine cinese molto celebre e amata. È balzata alle cronache odierne, oltre ai meriti sportivi, anche perché ha avuto il coraggio di denunciare l’ex premier del Partito Comunista cinese in quanto responsabile di violenza e stupro nei suoi confronti. Da parte dell’ex premier non ci furono né smentite o conferme, ma a distanza di due settimane dalla denuncia, non si sa più nulla della tennista.

Sembra infatti che sia scomparsa nel nulla e vi è molto mistero intorno alla sua sparizione. La tennista, in più occasioni, aveva raccontato di esser stata violentata da Zhang Gaoli, ex vicepresidente della Repubblica popolare della Cina. In queste settimane e ore, i social si stanno mobilitando per trovarla ed è in tendenza l’hastag #whereispengshuai

La tennista raccontò, proprio sulla piattaforma di Weibo, molto simile a Twitter, le molestie subite in un tweet del 2 novembre scorso rivolgendo accuse all’ex premier con il quale aveva anche una relazione. Un tweet a raccontare una violenza avvenuta ben tre anni fa, ovvero nel 2018, quando Gaoli era ancora vicepresidente del Partito comunista, incarico che ha ricoperto per ben 5 anni dal 2013.

Da quel momento, la Cina non ha visto di buon occhio queste accuse al punto da aver cancellato anche la parola “tennista” e non solo il tweet della campionessa. Tutto ciò non è servito a molto dal momento che sono stati fatti degli screenshot riguardo le accuse che si sono diffuse a macchia d’olio fino alla sua sparizione di queste ultime ore. 

Da quel momento, non si sa nulla della tennista che non ha più rilasciato dichiarazioni. L’associazione delle tenniste professionale, la Wta, è dalla sua parte e chiedono che venga fatta una indagine trasparente in merito. In una nota, l’associazione dirama il seguente comunicato: “La sua accusa alla condotta di un ex leader cinese, relativa ad un caso di aggressione sessuale, deve essere trattata con la massima serietà. Ci aspettiamo che questa faccenda venga trattata correttamente, il che significa che le accuse devono essere indagate in modo completo, equo, trasparente e senza censure”. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Davvero molto strano l'atteggiamento adottato dalla Cina che, essendo una dittatura, sta cercando di nascondere la testa sotto la sabbia proprio come gli struzzi in modo che nessuno possa avere ulteriori conseguenze. Questa tennista, proprio per quello che ha subito e per il suo essere donna, merita che il responsabile paghi e si conduca una indagine corretta e trasparente. Speriamo solo che Peng Shuai stia bene e che non le sia successo nulla di grave.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!