Iscriviti

Cina, il Governo uccide gli animali domestici delle persone poste in quarantena per Covid

Si tratta di una delle conseguenze della politica inaugurata dal Governo di Pechino, volta alla strategia dello "Zero Covid". Cani e gatti, che per la legge non sono comunque considerati "bestiame", sono spariti dalle case delle persone messe in isolamento e abbattuti.

Esteri
Pubblicato il 15 novembre 2021, alle ore 15:19

Mi piace
0
0
Cina, il Governo uccide gli animali domestici delle persone poste in quarantena per Covid

In Cina è allarme sull’uccisione degli animali domestici da parte delle autorità governative. Il Paese ha infatti introdotto la politica dello “Zero Covid”, ovvero un programma che prevede forti limitazioni alle libertà personali in caso di contagio da Covid-19 in una determinata zona della nazione. Per questo molti animali domestici sono stati uccisi nell’ultimo periodo. Una mattanza che sta preoccupando, e non poco, i cittadini. 

In pratica, secondo quanto raccontato da diversi testimoni, mentre i proprietari vengono trasferiti altrove per la quarantena Covid, le autorità entrano nelle case e, ove presenti animali domestici, gli uccidono. Alcuni proprietari non hanno trovato i loro amici a quattro zampe al loro ritorno. Questa “soluzione” si basa sulla convinzione che il virus possa diffondersi dagli animali all’uomo. In questo senso la scienza non ha dimostrato tale circostanza.

Lanciate petizioni

Il problema non sta passando inosservato, e sono state già lanciate una serie di petizioni per fermare il massacro. Il Governo cerca di difendre l’iniziativa, affermando che in mancanza di cure per gli animali domestici, l’unica soluzione resta la loro soppressione. Soluzione che difficilmente i cittadini accettano. 

Tra l’altro i cittadini hanno messo fortemente in discussione la politica generale per quanto riguarda la lotta all’emergenza Covid, che in Cina prevede appunto forti limitazioni alle libertà personali. Le autorità hanno introdotto pesanti denunce di natura penale per chi contravviene agli obblighi. La Cina è stato il primo Paese al mondo dove il Covid è comparso. 

Le legge cinese permette l’abbattimento del bestiame infetto, ma cane e gatti non rientrano nella categoria “bestiame”, in quanto anche nel “Paese del Dragone” sono considerati animali domestici. Una donna residente a Chengdu, ha dichiarato ai media internazionali che i suoi gatti sono stati uccisi dopo essere stata obbligata a trasferirsi altrove per la quarantena. Una storia tremenda che ha provocato sconcerto nell’opinione pubblica.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - In Cina come si vede ci sono delle regole molto pesanti per quanto riguarda la lotta alla pandemia, e le persone lì si che sono costrette a subire forti limitazioni alle libertà personali. Certo, uccidere degli esseri viventi come gli animali domestici mi sembra davvero assurdo. Le autorità dovrebbero ammorbidire un pò le norme.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!