Iscriviti

Cina: 38 morti in un incendio in fabbrica

Un incendio in una fabbrica in Cina ha portato alla morte di 38 persone lunedì pomeriggio. Le autorità hanno già fermato alcuni sospetti, e danno la colpa del rogo a lavori di saldatura elettrica non a norma.

Esteri
Pubblicato il 23 novembre 2022, alle ore 11:48

Mi piace
0
0
Cina: 38 morti in un incendio in fabbrica

Ascolta questo articolo

Una terribile tragedia sul lavoro ha portato alla morte di decine di persone, arse vive all’interno della fabbrica dove lavoravano. È avvenuto lunedì pomeriggio in una zona centrale della Cina, dove un incendio si è sviluppato in una struttura a Anyang City, nella provincia di Henan, secondo quanto riportano i media statali.

Il bilancio ufficiale parla di 38 persone morte nel rogo e 2 persone rimaste ferite. Le autorità affermano che i due feriti sono attualmente ricoverati presso un ospedale locale per ricevere le cure necessarie in seguito alle ferite riportate nella tragedia, ma non sarebbero in pericolo di vita.

Fonti statali spiegano che i servizi di soccorso hanno ricevuto la prima chiamata che segnalava un incendio presso la fabbrica Anyang Kaixinda Trading Co., Ltd, un commerciante all’ingrosso che si occupa di macchinari, materiali da costruzione, prodotti chimici non pericolosi, abbigliamento e attrezzature antincendio, alle 4:22 del pomeriggio del 21 novembre.

Dopo aver ricevuto l’allarme, il distaccamento locale dei vigili del fuoco ha immediatamente mandato le squadre disponibili sul luogo. Per domare le fiamme ci sono volute però molte ore, e l’incendio è stato spento del tutto soltanto alle 11 di sera di lunedì. Video girati sul luogo della tragedia e condivisi dai telegiornali locali mostrano coltri di fumo nero che si alzano dalle fiamme, mentre due furgoni dei vigili del fuoco lottano contro il rogo.

Pare che alcuni sospetti siano già stati presi in custodia dalla polizia in relazione all’incendio, confermano fonti statali. Una indagine preliminare sulla tragedia ha evidenziato che il fuoco è stato causato da lavori di saldatura elettrica durante i quali i lavoratori hanno violato le misure di sicurezza. Gli incidenti sul lavoro sono purtroppo molto comuni in Cina, a causa degli standard di sicurezza deboli e della corruzione tra i funzionari incaricati di farli rispettare.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Ci vogliono far credere che il giorno dopo un incendio colossale che ha causato quasi 40 vittime, le autorità hanno già investigato e scoperto non solo le cause del rogo, ma anche individuato alcune persone sospettate. Mi sembra chiaro che cercano già di scaricare la colpa per evitare che si indaghi troppo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.