Iscriviti

Bambina sposa messa all’asta su Facebook, ma quest’ultimo blocca tutto dopo 2 settimane dalla vendita

Un bambina è stata venduta come sposa al miglior offerente in un'asta online su Facebook, e la segnalazione è stata messa in atto con un notevole ritardo.

Esteri
Pubblicato il 22 novembre 2018, alle ore 03:08

Mi piace
4
0
Bambina sposa messa all’asta su Facebook, ma quest’ultimo blocca tutto dopo 2 settimane dalla vendita

Facebook non è riuscito a impedire che la sua piattaforma venisse utilizzata per mettere all’asta una ragazza di 16 anni in matrimonio nel Sud Sudan. Il matrimonio precoce e forzato delle ragazze è la forma più comunemente segnalata di violenza nel Sud Sudan, secondo un recente rapporto di Plan International sulla miriade di rischi per le ragazze adolescenti che vivono nella regione devastata dalla guerra. 

Vice ha raccontato che Facebook ha rimosso l’asta, ma non prima che la ragazza fosse già stata sposata e con più di due settimane di ritardo rispetto alla vendita, fatta il 25 ottobre. Facebook ha detto di aver appreso per la prima volta di quell’asta il 9 novembre, e di averlo rimosso entro le 24 ore successive. Un uomo d’affari multimilionario della capitale del Sud Sudan avrebbe vinto l’asta dopo aver offerto un prezzo record di 530 mucche, tre auto V8 Land Cruiser e 10 mila dollari per sposare la bambina, Nyalong Ngong Deng Jalang.

Bambina sposa su Facebook: è polemica

Plan International ha detto a Vice che il primo incidente conosciuto di Facebook è stato usato per mettere all’asta una sposa bambina. “È davvero preoccupante perché, trattandosi di un’operazione così redditizia e ha attirato così tanta attenzione, siamo preoccupati che ciò possa rappresentare un incentivo per gli altri a seguire l’esempio“, ha detto l’organizzazione di sviluppo a Vice. Una diversa ONG per i diritti umani ha postato su Twitter uno screenshot del post dell’asta cancellato, scrivendo: “Nonostante i vari appelli del gruppo per i diritti umani, una bambina di 16 anni è rimasta vittima di un’asta online, che non è stata eliminata da Facebook in Sud Sudan“.

Facebook ha risposto alla domanda fatta da alcuni giornali riguardo l’accaduto e la risposta è stata: “Qualsiasi forma di traffico di esseri umani – siano post, pagine, annunci o gruppi – non sono consentiti su Facebook. Abbiamo rimosso il post e disattivato permanentemente l’account appartenente alla persona che lo ha pubblicato su Facebook. Miglioriamo costantemente i metodi che utilizziamo per identificare i contenuti che infrangono le nostre politiche, tra cui il raddoppiamento del nostro team di sicurezza e protezione per oltre 30.000 dollari”.

Il ritardo di più di due settimane tra la pubblicazione dell’asta e la rimozione del post solleva serie domande circa le sue affermazioni di aver fatto notevoli investimenti per migliorare i suoi processi di moderazione. I gruppi per i diritti umani hanno cercato direttamente di contrassegnare il post su Facebook. L’asta avrebbe anche attirato l’attenzione dei media locali. Facebook non pubblica dati a livello nazionale sulla sua piattaforma, quindi non è chiaro quanti utenti ha nella regione del Sud Sudan.

Ovviamente, ora, questo ritardo nella risposta da parte di Facebook non farà altro che alimentare le polemiche, che sui social vengono ulteriormente amplificate dall’enorme visibilità di quest’ultimo episodio in tutto il mondo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Facebook spesso viene incolpato di questi ritardi strani sulle segnalazioni e sulle prese di posizione per i provvedimenti. Anche io ho segnalato alcuni episodi, non così gravi, eppure la risposta è stata che il tutto rispetta gli standard della community, cosa assolutamente non vera. Poi vengono bloccati profili e pagine senza motivi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!