Iscriviti

Allarme locuste in Arabia Saudita: invasione in atto

Un video pubblicato su "Repubblica.it" mostra un immenso numero di locuste che, grazie alla velocità del vento, si sono diffuse in regioni come Al-Qassim, Grandine e nella provincia orientale dell'Arabia Saudita.

Esteri
Pubblicato il 23 febbraio 2020, alle ore 18:20

Mi piace
6
0
Allarme locuste in Arabia Saudita: invasione in atto

Tutto vero: le famigerate locuste hanno invaso in ogni dove il regno dell’Arabia Saudita. Gli sciami d’insetti sono arrivati dai paesi limitrofi, che hanno lottato aspramente per limitare la diffusione degli enormi sciami d’insetti famelici.

Tutte le autorità saudite hanno raddoppiato tutti gli spruzzi aerei quotidiani per combattere l’enorme numero di locuste. Il dottor Mohammad Al-Shammrani, sovrintendente della lotta agli insetti del ministero dell’Ambiente, dell’Agricoltura e dell’Acqua, ha detto alla TV locale “Arab News” che tutti gli sciami di locuste sono arrivati dall’Africa orientale.

Stiamo parlando delle locuste rosse, le quali possono essere feroci e mangiare tutti i raccolti di vegetali. Gli sciami stessi hanno attaccato tutti i i raccolti di “Jazan, Asir, Al-Baha, Al-Leith, Qunfodah e Makkah” e sono stati contrastati aspramente da squadre specializzate. Tutte le condizioni ambientali di queste regioni hanno così permesso alle locuste rosse di crescere velocemente e di deporre numerose uova. Il dottor Mohammad Al-Shammrani rivela alla TV locale: “Abbiamo combattuto tutte le locuste ogni giorno dall’inizio di gennaio 2020 fino alla fine. Abbiamo sterminato la prima generazione di sciami, che hanno attaccato Jazan fino alla regione di Makkah.

Sono stati “presi di mira due sciami di locuste ad Qunfodah e Al-Leith“. Nuovi sciami sono giunti sul territorio saudita da paesi vicini come Eritrea, Etiopia, Somalia, Yemen, Oman ed India. Tutti gli sciami sono arrivati a Najran dallo Yemen e pochi di loro hanno raggiunto purtroppo anche le popolose e fertili regioni di Asir e Riyadh.

L’ingente numero di locuste e la velocità del vento stesso hanno aiutato gli sciami a diffondersi in regioni come Al-Qassim, Hail e la provincia orientale. Tutte le squadre di combattimento stanno lavorando senza pausa per monitorare il movimento degli sciami stessi ed effettuare spruzzi aerei controllati. Tutti gli effetti delle locuste sulle colture di vegetali possono essere dannosi se non si interviene rapidamente e proficuamente.

I famigerati sciami possono spazzare via i raccolti in poche ore. Per questo motivo Al-Shammrani ha affermato che gli spruzzi di insetticida sono stati intensificati nella stagione di primavera ed invernale e dalla costa sud alla costa ovest, così come nella costa nord del Mar Rosso stesso. “Usiamo gli aerei a spruzzo nelle aree e nei terreni accidentati e pericolosi. Tutti gli insetticidi usati sono approvati dall’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura“, ha detto il dottore. Le locuste tendono a moltiplicarsi velocemente durante le piogge, specialmente nelle zone desertiche ed ad alta umidità. Esistono 7 paesi che sono famosi per avere enormi sciami di locuste: Eritrea, Etiopia, Sudan, Yemen, Oman, Arabia Saudita e Somalia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Carlo Crescenzi

Carlo Crescenzi - Mai vista prima d'ora una ondata così grande di sciami di locuste che invade un solo luogo. Spero che molto presto si possa trovare un rimedio per bloccare questa terribile invasione in atto. Il video pubblicato su Repubblica.it è davvero spaventoso ed è subito diventato virale sul web. Immagini di questo tipo hanno fatto scalpore in diverse parti del mondo.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

23 febbraio 2020 - 18:21:33

Dopo i pidocchi parigini, le locuste arabe. Sembra quasi che si sia tornati al tempo delle piaghe d'Egitto...

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara
Carlo Crescenzi

23 febbraio 2020 - 21:17:31

La storia è ciclica

0