Iscriviti

Sigarette: come il Papa, anche lo Stato italiano dovrebbe vietarle

Il modello Bergoglio troppo lontano dalla realtà italiana. L'interesse per gli incassi dal tabacco non è indifferente. Si spera che almeno gli introiti vengano utilizzati per la salute pubblica.

Economia e Finanza
Pubblicato il 13 novembre 2017, alle ore 23:24

Mi piace
9
0
Sigarette: come il Papa, anche lo Stato italiano dovrebbe vietarle
Pubblicità

Nessun profitto può essere legittimo se mette a rischio la vita delle persone” – con queste parole Papa Francesco nei giorni scorsi ha dato chiara spiegazione al divieto di vendita di sigarette in Vaticano a partire dal prossimo gennaio. La decisione del Papa dovrebbe far riflettere un po’ tutti.

Il Monopolio dovrebbe sentirsi chiamato in causa per primo, poiché dal tabacco – lasciando al cittadino la scelta di “farsi del male” – ricava quasi 14 miliardi di euro ogni anno. Le accise costituiscono quasi il 60% del prezzo di vendita al pacchetto, a cui poi si aggiunge l’Iva.

Visti gli incassi si fa fatica a credere che lo Stato italiano prenderà ad esempio la decisione di Papa Bergoglio. Una proposta o decisione di riserva potrebbe riguardare il ricavato delle accise: perché non utilizzarlo a favore della salute, nella ricerca, nella prevenzione e nella cura delle malattie derivanti dal fumo come tumori, malattie cardiovascolari, respiratorie, ecc.?

L’aumento del prezzo al pacchetto potrebbe in qualche modo sostituire il divieto a fumare, soprattutto tra i più giovani, che di solito non hanno grosse possibilità, aiutandoli così ad evitare che in loro si sviluppi la dipendenza da fumo. Sono molti i Paesi europei che hanno adottato il sistema del prezzo elevato per ogni pacchetto di sigarette: in Inghilterra, per fare un esempio, costa il doppio che in Italia.

Proprio in questi giorni verrà discusso un emendamento alla legge di Bilancio, su proposta della commissione Sanità: si vorrebbe aumentare le accise per finanziare i nuovi farmaci oncologici e altre cure palliative e pediatriche.

L’idea è buona, anche se non è nuova visto che da anni il Governo è invitato ad adottare una politica diversa sul prezzo dei tabacchi e non solo – anche per la vendita di alcolici e per tutta la serie di giochi e scommesse – una gestione che non sia basata soltanto su freddi criteri che tengano conto del gettito fiscale, ma sia capace anche di considerare la salute pubblica.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Penso a chi non sa fare la distinzione salute-malattia, perché davvero non è nella possibilità di fare un ragionamento... e allora passi la sigaretta, ma tutti gli altri? I tabacchi non dovrebbero più esistere, pian pianino scomparire... anche se temo che ben presto ci sarebbero altri prodotti nel mercato, forse più pericolosi dei primi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!