Iscriviti

Pensioni opzione donna 2022: verso conferma dei criteri dai 58 anni di età

La discussione parlamentare sulle pensioni anticipate tramite opzione donna continuerà a mantenere i criteri di accesso attuali nella bozza della legge di bilancio: si va verso la sterilizzazione dell’incremento anagrafico.

Economia e Finanza
Pubblicato il 7 novembre 2021, alle ore 12:30

Mi piace
1
0
Pensioni opzione donna 2022: verso conferma dei criteri dai 58 anni di età

Le pensioni anticipate tramite opzione donna potrebbero continuare a beneficiare dei medesimi requisiti di accesso anche con la proroga prevista nella legge di bilancio 2022. Lo scalino paventato nelle prime bozze della manovra è in via di neutralizzazione, confermando gli attuali criteri anagrafici.

Sulla questione si era accesa negli ultimi giorni una forte dialettica, considerando che i criteri previsti dal governo vedevano innalzare il vincolo dagli attuali 58 anni (59 anni per le autonome) a 60 anni (61 anni per le autonome). La parola finale spetterà come sempre al Parlamento, ma il ripensamento fa ben sperare rispetto a una conferma dell’opzione nella sua versione attuale.

Pensioni anticipate 2022: l’opzione donna continua a prevedere il ricalcolo interamente contributivo

Lo stralcio dell’innalzamento del criterio anagrafico per la fruizione della pensione anticipata tramite opzione donna appare come un passaggio quasi obbligato, considerando diversi fattori. Da un lato, l’esiguità delle risorse necessarie a sterilizzare l’ipotesi dell’aumento fa certamente propendere verso un ripensamento, anche considerando la natura del meccanismo di prepensionamento.

Infatti, dall’altro lato occorre considerare le forti penalizzazioni e i risparmi di lungo termine in favore dell’Inps per coloro che accettano il pensionamento tramite questo meccanismo di uscita dal lavoro. La scelta è infatti irreversibile e tramite OD le donne accettano un pesante ricalcolo al ribasso della pensione, con perdite che possono arrivare a toccare il 20% o 30%. In aggiunta, per ricevere il primo assegno è necessario attendere una finestra di accesso di 12 mesi, che si estende a 18 mesi per le lavoratrici autonome.

Il pressing dei sindacati e di diverse formazioni politiche interne alla maggioranza avrebbe quindi fatto desistere l’esecutivo dall’incremento dei requisiti anagrafici di accesso all’OD. L’idea dello scalino rischia di risultare controproducente tanto dal punto di vista pratico, quanto da quello politico. Nel frattempo si studia la possibilità di estendere l’opzione donna a tutti i lavoratori come un meccanismo generale di entrata nell’Inps. Un’idea che proprio in virtù del ricalcolo contributivo puro garantirebbe costi meno pensanti per i conti pubblici e maggiore equità all’interno del sistema previdenziale.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Stefano Calicchio

Stefano Calicchio - La sterilizzazione dell’incremento anagrafico per l’accesso alla pensione anticipata tramite opzione donna suggerisce che questa modalità di accesso all’Inps rappresenta uno dei meccanismi più sostenibili per il sistema previdenziale pubblico. Non appare un caso se tra le congetture di riforma si pensa a un allargamento della platea in favore di tutti i lavoratori su regole simili. Uno scenario che secondo le ultime stime potrebbe concretizzarsi a partire dal 2023.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!