Iscriviti

Ladri interessati alle bici colorate di Google

Programmatori e ingegneri al lavoro per elaborare un sistema di chiusura e gestione delle biciclette tramite smartphone. In questo modo Google spera di evitare i furti.

Economia e Finanza
Pubblicato il 25 gennaio 2018, alle ore 00:10

Mi piace
11
0
Ladri interessati alle bici colorate di Google

Nel 2009 Google ha avuto l’idea fortunata nel mettere a disposizione dei dipendenti 1.100 Gbikes così che potessero velocizzarsi nel raggiungere i vari uffici della sua sede principale, la Googleplex estesa per ben 110 mila metri quadri.

L’idea ora si sta rivelando doppiamente fortunata prima per la velocità degli spostamenti ed ora perchè la famosa azienda statunitense ha dovuto far fronte al fatto che le sue bellissime biciclette venivano facilmente rubate, questo fatto l’ha provocata a sviluppare altre nuove idee.

L’uso della coloratissima bici colorata di Google risponde completamente allo sharing economy, anche se nessuno ci guadagna qualche cosa, anzi, per Google, ad oggi, era ed è solo un costo. L’uso della bici funziona in questo modo: si prende la bici, vi si sale a bordo e arrivati sul posto la si parcheggia.

L’uso completamente gratuito è sempre stato sostenuto dal senso civile che fino a questo momento non ha mai incontrato intoppi. Ogni settimana almeno 100, a volte fino a 250 bici circolano liberamente anche in zone esterne ai cancelli aziendali. Sharon Veach, un 68enne che abita a Mountain View al Wall Street Journal ha affermato: “È come se fosse un gesto amichevole di Google a chi abita qui“.

Nonostante le bici siano equipaggiate di un sistema Gps per essere facilmente rintracciate in caso di spostamenti non previsti, ultimamente qualcuno ha cominciato ad approfittarne. Ed ecco la nuova idea affidata a programmatori e ingegneri: elaborare un sistema di “lucchetto” e gestione delle Gbikes attraverso l’uso dello smartphone.

In questo campo Google è all’avanguardia. Tenendo traccia delle informazioni e dei percorsi su mappe – già da tempo i programmatori stanno lavorando per calcolare l’altimetria del viaggio, anche se questo avviene su piste ciclabile o su strade poco trafficate -, attraverso lo smartphone si riesce a gestire le Gbikes. Sappiamo bene che la multinazionale Google ha fatto dell’innovazione il suo fiore all’occhiello e anche questa volta non mancherà di sorprendere.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Sarebbe bello poter cliccare una App per aprire e chiudere il lucchetto della bicicletta, invece che dover frugare per le tasche ogni volta in cerca della chiave. E sarebbe ancor più bello che le bici potessero essere lasciate là senza custode e senza chiave... nella piena fiducia di tutti. Ma purtroppo non è così, questa è un'altra umanità... quella che verrà.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!