Iscriviti

I liquidi delle sigarette elettroniche sono monopolio di Stato: prezzi alle stelle

Da quest’anno i liquidi di ricarica per le sigarette elettroniche non si potranno più vendere online, ma solo in tabaccherie e rivendite autorizzate. Il prezzo di vendita aumenta di quasi 5 euro

Economia e Finanza
Pubblicato il 23 gennaio 2018, alle ore 18:06

Mi piace
5
0
I liquidi delle sigarette elettroniche sono monopolio di Stato: prezzi alle stelle

Sigarette elettroniche saranno a partire da quest’anno sommerse di tasse che potrebbero anche mandarne in fumo le vendite. Dal primo gennaio 2018 i liquidi di ricarica per le e-cig non si possono più vendere e acquistare sulla rete, ma solo in tabaccherie e rivendite autorizzate. Le pene sono molto severe, fino a 40.000 euro, per tutti i trasgressori. 

A introdurre queste novità è stata l’ultima legge di Bilancio approvata a dicembre e il decreto fiscale ad essa collegato. I liquidi sono adesso monopolio di Stato. A essi, anche se privi di nicotina, si applica un’imposta di consumo di 0,39344 euro più Iva per ogni millilitro.

Ciò comporta, per una normale boccettina da 10 ml, un rincaro sul prezzo di vendita di circa 4,50 euro, che rende il costo totale decisamente proibitivo per i consumatori. Questo sensibile aumento, facendo schizzare i prezzi delle e-cig alle stelle, potrebbe disincentivarne l’uso e mettere a dura prova l’intero settore.

Il prezzo totale delle sigarette elettroniche aumenterà vertiginosamente

Le novità sono arrivate dopo un iter parlamentare lungo e pieno di ostacoli. Il divieto di vendita online è stato inserito, per i soli liquidi contenenti nicotina, da un emendamento al decreto fiscale proposto in Commissione Bilancio dalla senatrice Simona Vicari. A causa di tale proposta,  la parlamentare è stata vittima di motissime minacce e insulti, nonché di una protesta davanti a Montecitorio di commercianti e utenti.

La nuova normativa mira a “Regolamentare un settore che rischiava di trasformarsi in una giungla nella quale ognuno poteva fare quello che voleva senza curarsi delle questioni di salute pubblica o della tutela dei minori nell’accesso a tali prodotti”, come precisato dalla stessa senatrice in una nota all’indomani delle proteste.  

Il nuovo regime fiscale ha scatenato le ire di molti addetti ai lavori: “Tutti devono essere consapevoli del fatto che l’industria italiana del vaping è tutt’altro che fuori pericolo. E con questo livello di tassazione i piccoli esercenti corrono comunque il rischio di chiusura” ha denunciato l’Anafe, associazione di categoria dei produttori di sigarette elettroniche e liquidi da inalazione, facente capo a Confindustria.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Luca Santini

Luca Santini - Con questa normativa il governo ha voluto prendere provvedimenti per regolamentare un settore nascente ed in forte espansione. A mio parere, visto che le conseguenze delle sigarette elettroniche sulla salute dei consumatori non sono state ancora ben identificate, l'intervento del legislatore appare quantomeno opportuno e giustificato. Forse sarebbe necessario prendere provvedimenti analoghi anche per le normali sigarette e per i superalcolici, i cui danni per la salute sono accertati.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!