Iscriviti

Danone: chiusi 3 stabilimenti entro il 2015, uno in Italia

La Danone ha deciso di chiudere 3 stabilimenti in Europa entro il 2015, uno di questi in Italia, per il continuo calo delle vendite

Economia e Finanza
Pubblicato il 11 giugno 2014, alle ore 11:11

Mi piace
0
0
Danone: chiusi 3 stabilimenti entro il 2015, uno in Italia

Danone ha annunciato nuovi tagli e l’intenzione di chiudere ben tre stabilimenti in Europa, di cui uno in Italia entro il 2015. È questa la notizia con cui migliaia di lavoratori hanno dovuto fare i conti in queste ore.

La crisi economica, che ha coinvolto il nostro paese ed il resto del mondo, purtroppo sembra non volersi ancora fermare. Nel corso di questi anni difficili sono state tante le aziende ad essere costrette a chiudere i battenti e a licenziare il personale. Milioni i posti di lavoro persi in questi anni. Questa tendenza, purtroppo, sembra non volersi fermare. La Danone, storica azienda internazionale, ha infatti deciso di chiudere tre stabilimenti in tutta Europa “per il deterioramento durevole delle condizioni economiche e della spesa dei consumatori” che ha portato ad “ un calo significativo delle vendite” nel settore.

È questo quello che ha annunciato la Danone in queste ore. Ad essere interessati dai tagli lo stabilimento italiano di Casale Cremasco, in provincia di Cremona, con il licenziamento di 100 lavoratori, quello di Hagenow in Germania e quello di Budapest in Ungheria, dove gli esuberi calcolati sono di 70 e 155 dipendenti.

Una decisione drastica quella presa da Danone, che sembra però irreversibile stando alle parole dei vertici aziendali i quali hanno dichiarato che “nonostante i segnali di una graduale ripresa dei volumi, i prodotti lattiero-casearei freschi in Europa hanno visto diminuire i propri risultati complessivi ed  necessario affrontare la questione delle capacità locali”.

I volumi di lavoro smaltiti dai tre stabilimenti verranno, invece, gestiti dai restanti in Belgio, Polonia, Germani ed in Francia per “migliorare l’utilizzo della base industriale e la competitività in Europa” ha spiegato la Danone.

La decisione, quindi, sembra ormai presa e, secondo quanto dichiarato dalla Danone, la chiusura avverrà entro il 2015. L’azienda vuole tuttavia avviare un piano di protezione sociale per i dipendenti interessati dalla chiusura degli stabilimenti, che sarà implementato a metà 2015.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!