Iscriviti

Concorsi pubblici, fino a 100 mila assunzioni nella PA tra scuola, Inps Inail, forze dell’ordine e Ministeri

Nella PA si aprono diverse opportunità per chi è alla ricerca di un impiego: tra pubblica istruzione, forze di polizia e ministeri, si contano bandi di concorso per decine di migliaia di assunzioni. Ecco tutto quello che c’è da sapere al riguardo.

Economia e Finanza
Pubblicato il 8 maggio 2019, alle ore 19:55

Mi piace
3
0
Concorsi pubblici, fino a 100 mila assunzioni nella PA tra scuola, Inps Inail, forze dell’ordine e Ministeri

Nella pubblica amministrazione si apre una vera e propria stagione di nuove assunzioni. Con l’avvio delle pensioni anticipate tramite quota 100, che va a sommarsi alle quiescenze già programmate, lo Stato deve infatti correre ai ripari per consentire la continuità del servizio e per garantire un adeguato organico rispetto ai servizi che deve offrire ai cittadini. La situazione ha quindi creato i presupposti per il concretizzarsi di un vasto meccanismo di turn over.

A livello pratico, dovrebbero essere circa 100 mila le nuove assunzioni realizzate entro la fine del 2019 (quindi all’incirca nei prossimi 6 mesi), distribuite in diversi settori della pubblica amministrazione. Il numero è ovviamente legato in modo stretto alle stime governative per i pensionamenti anticipati, che si realizzeranno grazie ai nuovi meccanismi di flessibilità previsti nella legge di bilancio 2019.

Bandi e concorsi in arrivo nei prossimi mesi: i settori da monitorare

Anche se i bandi sono ancora in fase di preparazione, è già noto quali saranno i settori nei quali si concentrerà il maggior numero d’inserimenti. In particolare, saranno coinvolti il settore della scuola, i ministeri, l’Inps, e le forze dell’ordine. Al momento risultano già pubblicati bandi specifici per l’Inail, dove sono previste oltre 400 assunzioni secondo differenti profili e inquadramenti (dai tecnici agli impiegati, fino ai ricercatori).

Un buon numero di assunzioni straordinarie coinvolgerà poi il settore scolastico, anche se in questo caso le prime uscite partiranno da novembre (pertanto i nuovi inserimenti diventeranno accessibili con gradualità nei prossimi anni). A livello pluriennale, servirà poi rimpiazzare circa 11 mila operatori ATA e 66 mila insegnanti, ma in questo caso specifico i concorsi dovrebbero concretizzarsi solo dalla prossima estate.

Infine, altre assunzioni sono previste presso l’Inps, le forze dell’ordine, ed i ministeri. Nel primo caso, si parla di circa 5 mila inserimenti, mentre tra Polizia di Stato, Penitenziaria e Guardia di Finanza si prospettano oltre 6 mila nuovi posti disponibili. Infine, a livello ministeriale c’è in programma il turn over di circa 3 mila impiegati con funzioni amministrative entro il 2021 (ovvero l’ultimo anno di sperimentazione della quota 100).

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Stefano Calicchio

Stefano Calicchio - L’avvio delle pensioni anticipate tramite quota 100, unitamente ai pensionamenti già programmati con le regole ordinarie di quiescenza, sembra poter dare il via ad un importante ricambio generazionale nel settore pubblico. Per chi è alla ricerca di un nuovo impiego, può risultare quindi importante monitorare i prossimi bandi di concorso in via di pubblicazione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!