Iscriviti

Cina, verso il blocco dei porti a causa della pandemia: rischio "choc" per l’approvvigionamento mondiale

Gli economisti della Hsbc in queste ore hanno lanciato l'allarme per un possibile blocco dei porti cinesi, dovuto sempre alla pandemia e all'avanzare della variante Omicron. Nel Paese ci sono di nuovo lockdown durissimi e quarantene.

Economia e Finanza
Pubblicato il 17 gennaio 2022, alle ore 11:30

Mi piace
0
0
Cina, verso il blocco dei porti a causa della pandemia: rischio "choc" per l’approvvigionamento mondiale

Ascolta questo articolo

La pandemia di Covid-19 continua a flagellare il mondo intero. Anche in Cina, dopo un periodo relativamente tranquillo, si ricomincia a parlare di lockdown e quarantene. Nella città portuale di Ningbo sono state già chiuse alcune fabbriche e si registrano problemi nella fornitura di gas. A  Tianjin, altro importante porto del “Paese del Dragone” è stato identificato il primo focolaio provocato dalla variante Omicron del Sars-CoV-2. Per questa circostanza l’Esecutivo locale ha disposto nuove restrizioni. 

Ormai in diverse parti della Cina, come dicevamo, è tornato il lockdown. Le misure del Governo di Xi Jinping sono molto dure, e prevedono il completo isolamento dell’intera popolazione delle città per alcuni giorni, che deve sottoporsi a test frequenti per poter lasciare le loro abitazioni ed effettuare eventuali faccende nella città. Tutto questo potrebbe avere gravissime ripercussioni sull’intera economia mondiale: se i porti cinesi si bloccassero, secondo gli economisti di Hsbc, ci potrebbe essere uno “choc” nella catena di approvvigionamento mondiale. 

A Shangai porto intasato

Un campanello d’allarme di quello che potrebbe succedere nelle prossime settimane è dato dal porto di Shangai, dove in questi giorni numerose navi stanno aspettando di poter caricare la merce da esportare, creando un intasamento simile a quello della scorsa estate, quando molte navi erano rimasti bloccate davanti alle coste della California. 

L’Europa e gli Stati Uniti d’America in questo periodo stanno vedendo un rallentamento dei tempi di consegna della merce, anche perchè diversi porti cinesi stanno funzionando a singhiozzo. Se la situazione dovesse perdurare rischia anche di bloccarsi la produzione di chip e altri materiali importanti da esportare anche in Occidente. Alcune aziende stanno correndo ai riparti cercando siti di produzione alternativi. 

Secondo gli esperti della Deustche Bank il moltiplocarsi di lockdwon e quarantene in Cina nei prossimi mesi potrà avere un effetto devastante in tutto il mondo. Il Governo di Pechino vorrebbe così convincere il 20% di cinesi non vaccinati a farlo. Ma le difficoltà cominciano a farsi nuovamente sentire, con previsioni che ad oggi non sono affatto rosee.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Questa è una notizia molto grave, in quanto l'Occidente in generale dipende soprattutto dalla Cina, lì dove passano praticamente tutte le merci del mondo. I porti cinesi sono una infrastruttura importante per l'import e l'export internazionale: un blocco dei porti avrebbe conseguenze devastanti in tutto il globo fermando la catena di approvvigionamenti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!