Iscriviti

Agevolazione per le donne disoccupate: è il momento di richiedere fino a 1.000 euro al mese

Ottime notizie per le donne disoccupate: possono richiedere un'agevolazione sino a 1000 euro. Ecco chi può presentare domanda e cosa bisogna fare per ottenerla.

Economia e Finanza
Pubblicato il 28 settembre 2022, alle ore 11:49

Mi piace
1
0
Agevolazione per le donne disoccupate: è il momento di richiedere fino a 1.000 euro al mese

Ascolta questo articolo

Negli ultimi mesi il mondo del lavoro sta risentendo sempre di più della crisi economica. La disoccupazione in Italia, specialemente quella giovanile, viaggia ancora su numeri altissimi. Tra le sfide più grandi del prossimo Governo ci sarà sicuramente quella di studiare delle politiche economiche che favoriscano le assunzioni.

Oltre ai giovani, ad incontrare particolari difficoltà a trovare un lavoro sono ancora le donne, per le quali pare ancora lontana la parità con gli uomini dal punto di vista dei diritti sul lavoro. Negli ultimi anni il Governo aveva già pensato a delle soluzioni temporanee per ovviare a questo squilibrio, venendo incontro alle donne con dei corposi aiuti economici: vediamo di cosa si tratta.

L’agevolazione

Gli ultimi anni si sono rivelati particolarmente drammatici per l’economia del nostro Paese: molte imprese hanno abbassato per sempre le saracinesche o, nella migliore delle ipotesi, si sono visti costretti a tagliare il personale. In quest’ultimo caso, la scelta dei licenziamenti è ricaduta purtroppo ancora una volta sulle donne, lasciate così a casa e senza lavoro.

Per fortuna è possibile ovviare, almeno temporaneamente, a questa grave situazione, facendo ricorso ad una nota agevolazione, vale a dire il Reddito di Cittadinanza. Sebbene sia osteggiato da alcune forze politiche contrarie a questa forma di assistenzialismo, il sussidio ha aiutato molte famiglie italiane in difficoltà grazie ad una somma mensile spendibile per acquistare beni di prima necessità e garantirsi quantomeno la sopravvivenza.

Naturalmente, per vedersi corrispondere questa somma occorre rispondere ad alcuni requisiti fondamentali, quali possedere un ISEE inferiore a 9.360 euro, un patrimono mobiliare non superiore a 6 mila euro e quello immobiliare inferiore a 30 mila. L’importo che potrebbe spettare ad una donna che vive da sola è sino a 6 mila euro all’anno, ai quali si potrebbero aggiungere 3.360 euro in più per il pagamento dell’affitto; insomma, all’incirca 780 euro al mese. Naturalmente occorre considerare poi alcune variabili, come per esempio la presenza di un minore a carico, che fa lievitare la somma sino a 880 euro al mese.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Andrea Rubino

Andrea Rubino - Le donne che vivono da sole e che hanno perso il lavoro possono fare ricorso al Reddito di Cittadinanza. Si tratta di una misura con la quale quantomeno tamponare la situazione, nell'attesa di trovare un lavoro. Purtroppo ritengo che al momento la situazione in Italia sia assolutamente critica dal punto di vista economico.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.