Iscriviti
Torino

Zio violentatore condannato a sei anni e dieci mesi, ma è ancora libero

Una bambina di una scuola di Torino tramite un tema svelò le violenze subite dallo zio. L'imputato è stato condannato a sei anni e 10 mesi, ma ad oggi è ancora libero.

Cronaca
Pubblicato il 15 febbraio 2018, alle ore 15:37

Mi piace
4
0
Zio violentatore condannato a sei anni e dieci mesi, ma è ancora libero

Torino: una bambina durante un tema scritto a scuola svelò le violenze subite, il colpevole suo zio. Quest’utlimo è stato condannato a sei anni e 10 mesi di carcere, ma è ancora una persona libera. Lo zio-aguzzino ha abusato nella nipote 14enne, cinque volte in un anno.
La storia risale al 2014. La ragazza 14enne abita in un paesino con i genitori in provincia di Torino, spesso va a trovare la nonna materna, che vive con lo zio, Giuseppe M., di 46 anni.

La nonna ha 75 anni ed è malata, è collegata giorno e notte ad una bombola d’ossigeno. La casa è piccola, così nella stessa stanza vi è anche il letto dello zio. La piccola racconta che non riusciva a dormire con la nonna, così decise di distendersi vicino allo zio Giuseppe. E qui lo zio-aguzzino ne ha approfittato. La 14enne è abituata a dormire sul fianco, lui la spoglia riportandola supina e abusa di lei. La paura impedisce alla giovane di raccontare ciò che ha subito, così decide di tenerlo segreto. Ha paura per la reazione dello zio e dei genitori, così subisce diverse volte, fingendo di dormire. Tutto avviene sempre all’alba, dopo gli abusi, lo zio-orco si alza dal letto, e lei continua a fingere di dormire sperando di cancellare l’incubo.

L’ultima violenza accade nell’agosto 2015. La 14enne trova il coraggio di ribellarsi ed agisce. Scrive allo zio-aguzzino un messaggio su Whatsapp: “So cosa mi fai durante la notte, e mi fa schifo solo al pensiero, non costringermi a dirlo in giro, smettila ed io farò come se non fosse mai successo nulla”, sconcertante la risposta di Giuseppe M.: “Ok perdonato”, poi aggiunge un altro messaggio: “Spero che continui a volermi bene e a venire con entusiasmo da zio… perdona di nuovo e rispondimi perché sto male a saperti delusa da zio, prometto di essere lo zio che vuoi che sia… ti voglio un mondo di bene“.

La giovane adolescente trova il coraggio di reagire allo zio e di scriverlo dopo avere raccontato la storia ad una sua amica e al fidanzatino. Dopo pochi mesi, le violenze subite vengono argomentate in un tema a scuola, un modo per la 14enne di urlare forte a tutti ciò che ha subito. Da lì, la notizia arriva ai familiari e poi alla procura.

I genitori della ragazzina chiedono aiuto ad un avvocato, lo zio-aguzzino finisce sotto inchiesta. Giuseppe M. ha precedenti penali per rapina, spaccio di droga e furto, conosce la macchina giudiziaria e decide di non rispondere alle domande rivoltegli dal pm Lisa Bergamasco. Da quell’ultima volta che ha messo piede nel Palazzo di Giustizia, nessuno riesce più a contattarlo, nemmeno il suo avvocato. Per la procura, i messaggi Whatsapp sono una prova, valida quanto una confessione. Ma nessun arresto viene richiesto per l’orco. Da ieri, Giuseppe M. è stato condannato a sei anni e 10 mesi per avere rovinato la vita della nipote, ma è ancora libero.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Trovo davvero sconcertante che una persona dopo una condanna sia ancora libero, che nessuno firmi un mandato d'arresto per questa persona e faccia giustizia. Come possono - quella giovane ragazza ed i suoi genitori - ritenere di avere ricevuto giustizia se essa non viene applicata? Mi auguro che al più presto venga fatta luce su questa faccenda.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!