Iscriviti

Welby e Cappato assolti perché il fatto non sussiste nel caso dell’eutanasia a Trentini

Davide Trentini, malato di sclerosi multipla, il 13 aprile del 2017 decise di sottoporsi al suicidio assistito a Zurigo, e fu aiutato da Mina Welby che lo accompagnò, e da Marco Cappato che sostenne economicamente. Assolti perché il fatto non sussiste.

Cronaca
Pubblicato il 28 luglio 2020, alle ore 20:05

Mi piace
1
0
Welby e Cappato assolti perché il fatto non sussiste nel caso dell’eutanasia a Trentini

Eutanasia. Davide Trentini, 53enne di Massa, da trent’anni malato di sclerosi multipla, il 13 aprile del 2017 optò per il ricorso al suicidio assistito a Zurigo, possibile in Svizzera, e venne aiutato dalla signora Welby che lo accompagnò e da Marco Cappato che sostenne economicamente il desiderio di Davide, raccogliendo fondi attraverso l’associazione Soccorso Civile.

Welby e Cappato, il giorno dopo la morte di Trentini, si autodenunciarono. Venne richiesta una pena a 3 anni e 4 mesi di carcere con le attenuanti perché la Corte di Assise a Massa credeva nei loro nobili scopi: il pm Marco Mansi accusava apertamente i due, ma li riteneva meritevoli di tutte le possibili attenuanti per il gesto compiuto.

Mina Welby e Marco Cappato sono stati assolti dalla corte di assise di Massa, perché il fatto non sussiste, dall’accusa di aiuto al suicidio per la morte di Davide Trentini. Secondo Filomena Gallo, del collegio difensivo di Welby e Cappato, i giudici di Massa hanno riconosciuto non solo che nel caso Trentini non sussiste l’istigazione al suicidio ma anche che l’aiuto al suicidio non costituisce reato. 

La Corte d’Assise ha dunque equiparato i trattamenti di sostegno vitali delle macchine a quelli dei farmaci“, motiva l’avvocato Gallo. Davide Trentini non era collegato a macchine ma era tenuto in vita con indicibili tormenti da cure farmacologiche. Il pm, prima della requisitoria, aveva chiesto una nuova perizia per dimostrare che Trentini riceveva quotidianamente trattamenti di sostegno vitale, equiparabili alle macchine per la respirazione. Ma la corte ha respinto la richiesta.

La madre di Trentini era a favore dell’eutanasia, stanca delle atroci sofferenze subite dal figlio, affermando che lo aveva fatto per lui come atto di amore e liberazione nei suoi confronti e aveva apertamente ringraziato la Welby e Coppato. Continua dicendo che il figlio amava la vita e che era stato un percorso atroce, ma che lo faceva proprio per tutti coloro che subivano gli stessi trattamenti

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Martina Capit

Martina Capit - Purtroppo non sono a favore dell'eutanasia: credo sia un tema delicato da trattare e non riesco a giustificare la fine di una vita fatta intenzionalmente per quanto una persona possa soffrire dolori indicibili. Questa vicenda come altre va trattata con il dovuto rispetto, non sta a me giudicare, ma non potrei mai porre fine alla vita di qualcuno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!