Iscriviti

Vicenza, no Vax rifiuta di essere intubato e muore: "Tanto guarisco lo stesso", diceva

Alessandro Mores, 48enne di Thiene e padre di tre figli, è morto dopo aver contratto il Covid-19 e aver ostinatamente rifiutato di essere intubato. Era convinto di guarire lo stesso.

Cronaca
Pubblicato il 30 dicembre 2021, alle ore 17:12

Mi piace
0
0
Vicenza, no Vax rifiuta di essere intubato e muore: "Tanto guarisco lo stesso", diceva

Alessandro Mores, 48 anni, di Thiene, in provincia di Vicenza, padre di 3 figli, è deceduto per un aggravamento delle sue condizioni di salute, dopo aver contratto il Covid. 

No Vax convinto, quando le sue condizioni si sono aggravate, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale San Bortolo di Vicenza dove ha rifiutato di essere intubato, sicuro che sarebbe riuscito a guarire con le sue sole forze.

L’accaduto

Dal suo profilo Facebook si capiva che Alessandro era convinto no vax e no pass e questa sua ‘appartenenza’ gli è costata la vita quando, finito in rianimazione per il Covid, nonostante le insistenze e dei medici e dei familiari, ha rifiutato di essere intubato per morire poco dopo. Suo figlio gli aveva disperatamente implorato di accettare le cure che gli sarebbero state impartite in ospedale e che forse gli avrebbero potuto salvare la vita se somministrate velocemente.

Mores ha dato il consenso quando ormai era troppo tardi. L’uomo è morto poche ore dopo aver fatto il suo ingresso in ospedale. Il 48enne aveva contratto il virus da un paio di settimane ma le sue condizioni sono precipitate martedì pomeriggio. Il figlio maggiore ha chiamato il 118 per avvertire che il genitore aveva serie difficoltà respiratorie.

Una volta all’ospedale San Bortolo è stato trasferito d’urgenza al Pronto soccorso Covid, quindi, visto il quadro clinico, al reparto di terapia intensiva riservato ai contagiati dal virus. Mores però è sempre rimasto aggrappato alle sue convinzioni e avrebbe chiesto di firmare per non essere intubato. “Tanto guarisco lo stesso” avrebbe detto. La situazione è ulteriormente peggiorata nell’arco di un paio d’ore. Solo quando era ormai troppo tardi i medici hanno provato, invano, a rianimarlo ma per Alessandro non c’era più nulla da fare.

Il profilo Facebook di Mores era l’emblema di quello che pensano i negazionisti del Covid: post contro i vaccini, che qualcuno definisce ancora “sperimentali”, un fiume in piena di bufale con frasi monotematiche su quanto tiene in piedi le teorie complottiste di chi è convinto che questa pandemia sia una trovata del governo che vuole imporre le sue regole con l’appoggio della stampa, comprata per ingannare il popolo.

Tutto questo, naturalmente, a scapito di una comunicazione istituzionale che il giornalismo vero vuole fare, seguendo alla lettera medici e fonti ufficiali di informazione, beccandosi insulti inenarrabili solo per far capire che quello che è accaduto a Mores potrebbe accadere a ciascuno di noi, se non vaccinato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Alessandro Mores non ha mai creduto al Covid e, purtroppo, ogni estremo tentativo di salvargli la vita, non è servito. Le condizioni dell'uomo, padre di 3 figli, cui va tutta la mia vicinanza in queste ore, è deceduto. Le mie più sentite condoglianze ai familiari della vittima. RIP Alessandro e veglia sui tuoi cari sempre.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!