Iscriviti

Vicenza, 16enne drogata e violentata dal gruppo: 3 persone agli arresti

L'amica l'ha attirata in villa dov'è stata poi costretta ad assumere droghe prima della violenza sessuale di gruppo. Tre persone sono ora indagate e agli arresti domiciliari.

Cronaca
Pubblicato il 5 maggio 2019, alle ore 09:57

Mi piace
1
0
Vicenza, 16enne drogata e violentata dal gruppo: 3 persone agli arresti

La terribile storia di violenza sessuale di gruppo arriva dalla provincia di Vicenza, dove sono finiti agli arresti domiciliari tre persone: due ragazzi marocchini di 27 e 28 anni della provincia di Verona, ed una italiana di 31 anni residente a Trissino, a Vicenza. Vittima dell’abuso è una 16enne italiana, figlia di due immigrati.

La vicenda è avvenuta nell’ottobre scorso; solo nella prima metà di novembre la giovane ha avuto il coraggio di parlare dell’accaduto con i genitori che hanno successivamente denunciato il gruppo e fatto così partire le indagini. Nonostante non siano state trovate prove concrete della violenza, i militari sono riusciti a individuare dei vecchi messaggi scambiati tra gli aggressori, in cui parlavano dell’accaduto accordandosi di far ricadere l’intera colpevolezza contro la giovane.

Di questi giorni è la notizia che vede la convalida dell’arresto del gruppo ma, nonostante la richiesta della Procura di Vicenza fosse la detenzione in carcere, da venerdì scorso, 3 maggio, i due 20enni e la 30enne italiana si trovano agli arresti domiciliari con l’accusa di violenza sessuale di gruppo su minore.

La ricostruzione dei fatti

Stando a quanto testimoniato dalla vittima, la 31enne italiana era un’amica stretta della giovane, ed è stata proprio questa ad invitarla presso la sua villa a Trissino per un fine settimana insieme, con il consenso della madre della minore. Qui si è consumata la terribile violenza.

La 16enne, così come ha raccontato ai genitori e poi agli inquirenti, è stata obbligata ad assumere hashish e cocaina. Quando la minore era particolarmente stordita è avvenuto l’abuso sessuale da parte di entrambi i ragazzi presenti. Nonostante le forti parole dette in aula di tribunale, la 31enne è rimasta impassibile, ed ha anzi continuato ad affermare che il rapporto è stato consenziente, ed anche aggiunto che la madre della minore era a conoscenza che la figlia si sarebbe recata nella villa di Trissino per “divertirsi”. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Una storia davvero agghiacciante. Quando avvengono questi fatti brutali mi chiedo se questi aggressori si fermano mai a pensare che la ragazzina che hanno davanti potrebbe essere loro figlia, una loro parente o conoscente. Non comprendo come si riesca a fare del male al prossimo, e peggio ancora, rimanere poi impassibile di fronte alle conseguenze.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!