Iscriviti

Verona, beve sturante per scarichi per evitare l’alcool test: finisce in ospedale

Un 62enne coinvolto in un incidente stradale ha preferito bere un disotturante per scarichi piuttosto che fare l'alcool test. Ricoverato urgentemente, è stato comunque denunciato per guida in stato di ebbrezza ed ha perso la patente.

Cronaca
Pubblicato il 19 ottobre 2020, alle ore 00:03

Mi piace
5
0
Verona, beve sturante per scarichi per evitare l’alcool test: finisce in ospedale

Il 62enne che giovedì scorso è rimasto coinvolto in un incidente stradale era disposto a tutto pur di evitare l’alcool test da parte dei carabinieri, persino a rischiare la sua vita. Questo quanto successo ad inizio mese a Verona, dove i carabinieri sono stati chiamati in seguito ad un sinistro che non aveva causato feriti, non aspettandosi certo di trovarsi alla fine dell’uscita a dover chiamare con urgenza i soccorsi.

Uno dei conducenti coinvolti nell’incidente aveva però bevuto prima di mettersi alla guida, e convinto di incorrere in sanzioni a causa del livello alcolemico ha avuto la brillante idea di camuffare il proprio livello di alcool in un metodo decisamente singolare: ha ingerito una piccola quantità di disotturante per scarichi che aveva con sé in auto.

Peccato per il 62enne che il prodotto fosse a base di acido solforico, una sostanza tossica altamente pericolosa che non va assolutamente ingerita, e che gli agenti abbiano dovuto chiamare repentinamente il numero di urgenza 118 che ha immediatamente inviato un’ambulanza sul posto. L’uomo è stato prelevato dall’ambulanza e portato in sirena all’Ospedale Borgo Trento, dove è stato ricoverato per le cure del caso.

La trovata del 62enne si è rivelata comunque inutile, dato che gli agenti lo hanno comunque denunciato per guida in stato di ebbrezza una volta ottenuti dall’ospedale i risultati delle analisi dell’uomo, che ne hanno rilevato il grado alcolico, con il conseguente ritiro della patente.

È comunque andata bene al 62enne, che non ha evitato i controlli degli agenti, ma che è sopravvissuto alla sua trovata. L’ingestione di acido solforico è infatti estremamente pericolosa, in quanto non solo provoca l’ustione di lingua, bocca, esofago e stomaco, ma può addirittura causare una perforazione dell’esofago o dello stomaco, con conseguente fuoriuscita di cibo e saliva che provocano a loro volta gravi infezioni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Un genio. In caso di morte, avremmo avuto qui un altro contendente per i Darwin Awards, i premi per la gente morta in modo così stupido da provare la teoria della sopravvivenza del più adatto. Non ci posso credere che abbia pensato che bere acido fosse una scelta migliore che fare un alcool test.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!