Iscriviti
Venezia

Venezia, si accascia e muore nel campetto dell’oratorio durante una partita con gli amici

Il dramma si è verificato alcuni giorni fà in provincia di Venezia, a Passarella di Sopra, frazione di San Donà di Piave. Il ragazzo da poco tempo aveva ricevuto il vaccino anti Covid, ma soffriva già di una miocardite bilaterale. Inchiesta in corso.

Cronaca
Pubblicato il 29 luglio 2021, alle ore 10:57

Mi piace
0
0
Venezia, si accascia e muore nel campetto dell’oratorio durante una partita con gli amici

Stava giocando a calcetto tranquillamente con gli amici, quando all’improvviso si è accasciato a terra ed è morto. Così ha perso la vita Christian Bottan, 17enne residente a Caposile, frazione di Musile di Piave. Il ragazzo, alcuni giorni fa, stava giocando insieme ai suoi amici nel campetto dell’oratorio di Passerella di Sopra, frazione di San Donà di Piave. All’improvviso si è sentito male. Gli amici lo hanno subito soccorso, chimando immediatamente il padre. L’uomo è giunto in pochissimo tempo dotato di un defibrillatore preso da una vicina farmacia. 

Il papà del giovane ha anche esperienze nella Protezione Civile. Pochissimi minuti dopo è arrivata l’ambulanza del 118, che ha tentato di rianimare il giovanissimo per oltre un’ora. Purtroppo per Bottan non vi è stato nulla da fare, in quanto è stato dichiarato morto dagli stessi sanitari. Christian è morto sotto gli occhi dei suoi genitori e degli amici. Da pochi giorni aveva ricevuto anche il vaccino anti Covid, circostanza per cui adesso ci sono delle indagini in corso. Sembra che comunque il siero non sia il principale indiziato per il decesso del giovane, che soffriva già di una miocardite bilaterale

Giornata particolarmente afosa

Gli inquirenti hanno dichiarato che il giovane possa essersi sentito male anche a causa del caldo. In questi giorni anche nel veneziano si sono raggiunte temperature davvero molto alte, e visto che il ragazzo stava giocando di primo pomeriggio, intorno alle ore 16:00, non si esclude che le elvate temperature abbiano contribuito al malore. 

Sarà adesso l’autopsia a chiarire le cause del decesso del giovane 22enne. Sul luogo della tragedia sono arrivati i carabinieri di San Donà di Piave, che hanno eseguito tutti gli accertamenti del caso. Sotto shock anche il parroco, che non si aspettava che nel suo oratorio potesse accadere un dramma simile. 

La società sportiva ASD Musile Mille si è stretta attorno ai famigliari del giovane deceduto, ora straziati dal dolore. Sono tantissimi i messaggi apparsi sui social network in ricordo del ragazzo. Grande lo sconcerto in tutta la cittadina di Caposile per quanto avvenuto. Nelle prossime ore potranno conoscersi ulteriori dettagli sulla vicenda. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Quello accaduto a questo giovane ci deve far riflettere. Non bisogna mai fare sport nelle ore più calde della giornata, specialmente in estate. Il ragazzo giocava spesso a calcetto e mai prima d'ora aveva avuto un malore. Il fatto che il giovane abbia fatto il vaccino anti Covid non deve far pensare che il decesso sia avvenuto proprio per quel motivo. Saranno gli inquirenti a chiarire i particolari. Un dramma davvero assurdo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!