Iscriviti
Venezia

Venezia: alzato il Mose e l’acqua alta non arriva in Piazza San Marco

Alzato il Mose per la prima volta Piazza San Marco e la Basilica sono all'asciutto. Zincone: "Il test è andato bene". Procuratore: tutto ha "funzionato in sicurezza".

Cronaca
Pubblicato il 3 ottobre 2020, alle ore 14:24

Mi piace
8
0
Venezia: alzato il Mose e l’acqua alta non arriva in Piazza San Marco

Le barriere del Mose per la prima volta, oggi, 3 ottobre 2020. sono emerse dall’acqua, per proteggere Venezia dalla prevista alta marea. Il risultato ottenuto è quello sperato: la Basilica e Piazza di San Marco, al momento, sono all’asciutto.

Entrando in funzione, il Mose (MOdulo Sperimentale Elettromeccanico) ha assicurato che “il ‘salotto buono’ della città“, come lo ha definito l’Ansa, non sia finito come di consueto sott’acqua. Ricordiamo che il fenomeno dell’acqua alta, a Venezia, si ripropone ad ogni alta marea.

Il Centro maree del comune ha riferito che il Mose è chiuso: per questo motivo all’interno della Laguna di Venezia la marea non cenna a crescere. Le 58 paratoie mobili hanno impiegato un’ora e 17 minuti per sollevarsi e dare la sicurezza tanto attesa. “Alle ore 10 sono stati misurati alla Diga Sud del Lido 119 centimetri, a Punta Salute – tra il Canal Grande e il Canale della Giudecca -, dove si registra il “medio mare” 69“, si legge in tgcom24.mediaset.it.

Carlo Alberto Tesserin, primo procuratore di San Marco a Venezia, ha riferito che al momento “la Basilica è asciutta, asciutta. È la prima volta ed è un dato importantissimo”.  Poi ha riferito all’Ansa che lo ha intervistato che sono state azionate le pompe in modo da “evitare le infiltrazioni che arrivano da sotto nel nartece, e hanno funzionato in sicurezza”. Solitamente, ha riferito Tesserin, quando la marea raggiunge i 90 centimetri l’acqua comincia ad arrivare dalla piazza. Questa volta non è successo: il Mose è riuscito a frenarla.

Cinzia Zincone, provveditore alle opere pubbliche, soddisfatta del processo di innalzamento delle paratoie del Mose avvenuto questa mattina, all’Ansa ha detto: “Il test è andato bene“. Test senz’altro positivo perché, finalmente, l’acqua non filtra, e la differenza “dell’altezza dell’acqua tra la parte difesa dal Mose e quella che non lo è” è consistente e apprezzabile.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Dopo anni di lavori e discussioni finalmente il Mose è stato azionato. Perdere Venezia, penso, sia un dramma per tutti. Arte, spiritualità, cultura: tutto è messo a repentaglio dall'acqua che non conosce barriere se qualcosa non la frena. La suggestione dell'alta marea, per un turista, può dare un senso di avventura, ma quando questa si ripete si fa realtà drammatica. Ben venga il Mose.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!