Iscriviti

“Un minuto di rumore” per dire NO alla violenza sulle donne

La lotta per dire NO alla violenza sulle donne non ha bisogno di gesti silenti. Ed è per questo che Fidelity House, in occasione della festa delle donne 2017, ha deciso di fare "un minuto di rumore"

Cronaca
Pubblicato il 31 luglio 2017, alle ore 19:06

Mi piace
2
0

Ascolta questo articolo

La violenza sulle donne è un fenomeno ormai tristemente noto. Si tratta di “una delle più vergognose violazioni dei diritti umani” per usare le stesse parole di Kofi Annan. Negli ultimi anni, infatti, sono sempre più numerosi i casi di violenza ai danni delle donne che riempiono le pagine della cronaca nera.

Atti di violenza veri e propri perpetuati spesso e volentieri da componenti della famiglia, da fidanzati o mariti che molestano le donne sia dal punto di vista fisico che psicologico. Situazioni del genere, spesso e volentieri, possono degenerare in femminicidi che sconvolgono l’opinione pubblica, che destabilizzano gli equilibri di una famiglia e che generano tanto dolore e tanta disperazione.

Tantissimi di questi omicidi, infatti, sono basati proprio su violenze mai dichiarate, su situazioni difficili da gestire che le donne sperano di poter sistemare, cercando di poter scappare da quella violenza o semplicemente sperando in un cambiamento della persona amata.

Nel corso degli ultimi anni, proprio di fronte ai numeri sempre più sconvolgenti relativi alla violenza sulle donne ed ai femminicidi, sono tante le iniziative che sono state intraprese, tante le associazioni fondate che aiutano le donne a dire di NO, a reagire alla violenza e ad allontanarsi per sempre dall’uomo che le sta minacciando e che di conseguenza può diventare il loro carnefice.

In occasione della festa delle donne 2017, Fidelity House ha organizzato un flashmob dal titolo significativo “Un minuto di rumore”, che si contrappone al silenzio che spesso nasconde gravi casi di violenza sulle donne.

La maggior parte di queste violenze si perpetua all’interno delle mura domestiche. La prima causa di morte nel mondo per le donne con un’età compresa tra i 16 ed i 44 anni, infatti, è proprio la violenza domestica, quella violenza di cui tanto si parla e che spesso è intorno a noi anche se non ce ne accorgiamo.

Molte associazioni cercano di dare coraggio e supporto alle donne vittime di violenza e cercano di spingerle a denunciare e ad allontanarsi dalla mano di quel mostro che potrebbe diventare il loro assassino, a smettere di credere a ciò probabilmente non arriverà mai.

Cercare di creare consapevolezza in queste donne è il primo passo importante per evitare futuri femminicidi e far aumentare tristemente quelle statistiche di cui tanto si parla negli ultimi anni.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.