Iscriviti

Un cane morto in decomposizione alla catena e 3 in fin di vita: 2 denunciati

Denunciati due individui dalla Ausl ai Carabinieri di Fondi. Gli animali venivano abbandonati al loro crudele destino, rinchiusi nei corrispettivi recinti, incatenati e senza cibo ne' acqua. Uno tra questi trovato morto col corpo in decomposizione.

Cronaca
Pubblicato il 22 ottobre 2021, alle ore 16:49

Mi piace
0
0
Un cane morto in decomposizione alla catena e 3 in fin di vita: 2 denunciati

Quella che sto per raccontarvi è una storia di indicibile cattiveria e di spietata crudeltà nei confronti degli animali, indifesi, costretti a subire, loro malgrado, torture mortali da parte di coloro che dovrebbero accudirli e che, purtroppo, chiamiamo “uomini”. La storia di cui vi parlo sembra uscita da un film horror, eppure è una triste realtà.

Il teatro in cui è ambientata è la città di Fondi, in provincia di Latina, in cui i cani, poveri e indifesi, venivano lasciati morire incatenati senza cibo ne’ acqua, ricoperti dai propri escrementi che non venivano mai rimossi. Avvolti da profonda tristezza, dalla paura, lasciati senza viveri in mano alla crudeltà di due individui di Fondi, che hanno ricevuto denuncia per maltrattamenti dai carabinieri e dalla Stazione Forestale di Fondi.

L’accaduto

Una storia avvolta da assoluta cattiveria e inciviltà, avvenuta a Monte San Biagio, in provincia di Latina. A fare la triste scoperta sono stati i Carabinieri di Fondi, assieme al veterinario dell’ Ausl locale dopo che hanno accertato la presenza di un terreno privato in cui vi era un cane morto, in avanzato stato di decomposizione, legato alla catena in mezzo ai propri escrementi, e altri tre cani che, se non fossero stati avvistati, avrebbero intrapreso lo stesso crudele destino.

Tutti i cani erano, inoltre, in assenza di microchip, obbligatorio da diversi anni. L’unico ad essere in possesso dello stesso era un pastore tedesco, forse perche’ di razza. I cani sono stati comunque sottoposti a ricovero e alle cure veterinarie presso il canile sanitario del comune di Fondi, nel disperato tentativo di salvar loro la vita.

Queste storie, purtroppo, succedono, ancora oggi, in ogni parte d’Italia.I due malviventi, l’ uomo proprietario dell’area e la donna, proprietaria del pastore tedesco, rischiano ora una pena dai 3 ai 18 mesi, oltre ad una sanzione dai 5mila ai 30mila euro.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Non ci sono davvero parole per commentare quanto accaduto a questi poveri animali, abbandonati ad un atroce destino per via della crudeltà umana. Io che amo profondamente gli animali sono rimasta a dir poco sconvolta dall'accaduto e spero che presto, oltre alle multe, per questi "umani" , responsabili di questi atroci reati, scattino le manette per moltissimi anni!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!