Iscriviti

Ultimo dato Istat: diminuiscono i matrimoni, aumentano i divorzi

Gli ultimi dati dell'Istat riguardo la popolazione italiana fanno davvero pensare. Mentre i matrimoni calano sensibilmente, i divorzi sono addirittura quadruplicati.

Cronaca
Pubblicato il 7 settembre 2018, alle ore 10:23

Mi piace
2
0
Ultimo dato Istat: diminuiscono i matrimoni, aumentano i divorzi

Che l’Italia sia un “paese di vecchi” non è una novità, ne abbiamo parlato a lungo e nel dettaglio. Il dato che ci arriva dal 1° gennaio di quest’anno infatti, afferma che in Italia l‘età media della popolazione è di 45,2 anni.

Ancora più sconvolgente se messo a confronto alla percentuale di ragazzi, presenti minoiri di 15 anni: in Italia infatti sono solo il 13,4%. Dati che dovrebbero farci riflettere e chiedere il motivo di questi numeri, ma un nuovo dato Istat arriva a far preoccupare ulteriormente.

La ricerca Istat

Secondo quanto riportato dall’Istat, in questo 2018 i matrimoni sono calati notevolmente, e come se questo non bastasse, i divorzi non risultano semplicemente aumentati, ma addirittura quadruplicati. Andiamo a vedere nello specifico che cosa sta accadendo nel nostro paese.

Tra la popolazione dai 25 ai 34 anni, l’81% degli uomini e il 65% delle donne non è sposato. Potrebbe sembrare un dato qualunque e non preoccupante, ma ciò che ci fa riflettere è il numero messo a confronto con quello pubblicato nel censimento eseguito nel 1991, in cui si riscontravano ben 3 milioni di italiani sposati in più. Un uomo su quattro in Italia non è mai stato sposato, e di risposta ritroviamo il 18% delle donne senza l’anello al dito.

Trovare una motivazione per questi dati è a dir poco impossibile. In molti affermano di non potersi sposare a causa dei pochi soldi a disposizione, molti altri non credono più nel matrimonio, e altri ancora non trovano la persona giusta con cui condividere il resto della vita.

Ma se questi dati potrebbero trovare svariate motivazioni per essere spiegati e giustificati, un numero ancor più soprendente rimane senza alcuna risposta. Rispetto ai dati raccolti nel 1991, troviamo quadruplicati i dati dei divorziati, in particolare le persone tra i 55 e i 64 anni. 

Nonostante la diminuizione di popolazione considerata non preoccupante, una riflessione su questi dati andrebbe fatta.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Ogni persona ha la propria idea del matrimonio ed è libera di sposarsi, convivere o unirsi civilmente. Nessuno ha l'obbligo di trovare la propria anima gemella o di dividere la sua vita con qualcuno. Il dato che secondo me fa più riflettere è quello dei divorzi, mettendo in luce come in molti non vogliano rischiare sposandosi, ma molti altri lo facciano con troppa leggerezza.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!