Iscriviti

Tubercolosi a Treviso. Otto alunni contagiati dalla maestra

In una scuola di Treviso, una maestra, ignara della sua malattia, ha contagiato 8 bambini, già finiti in ospedale, e numerosi altri risultano affetti dal batterio della Tubercolosi.

Cronaca
Pubblicato il 8 aprile 2019, alle ore 07:39

Mi piace
2
0
Tubercolosi a Treviso. Otto alunni contagiati dalla maestra

Una maestra di una scuola elementare, ignara di avere la tubercolosi, ha contagiato 10 persone, di cui 8 bambini della scuola in cui insegna.

Il batterio era fermo nel corpo della donna, ormai da diversi anni; solo a Marzo di quest’anno si è resa conto che c’era qualcosa che non andava ma, quando lo ha scoperto, è stato troppo tardi: sia lei che un suo alunno, sono finiti in ospedale con febbre alta e tosse.

La squadra addetta all’igiene ha prontamente iniziato i lavori di disinfestazione dell’ambiente e iniziato i controlli su circa 800 persone. Al controllo, oltre ad alunni, genitori e colleghe, sono state controllate anche tutte le altre persone che erano entrate in contatto con la maestra che con gli alunni involontariamente contagiati; tra questi anche alcuni scrutatori che, nel periodo delle ultime elezioni, erano entrati nella scuola.

Dalle indagini è risultato che il numero dei contagiati è davvero alto; si conta che siano state contagiate circa 36 persone, oltre alle 10 che si erano già ammalate. Per questo motivo è stato predisposto un servizio, gestito da due associazioni, per cercare di prevenire quanto più possibile il batterio che provoca la malattia, soprattutto nei bambini.

Le ricerche, però, hanno dimostrato che, nonostante tutto, l’Italia è uno dei paesi con minor tasso di malattia; rispetto agli altri Paesi, negli ultimi 10 anni, il numero di persone ammalate, anche di tubercolosi, è in netto calo. La fascia di età maggiormente interessata dalla malattia è quella che va tra i 25 e i 45 anni; sui bambini, invece, si contano circa 2340 casi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Di Santo

Anna Di Santo - Purtroppo una notizia simile mette tristezza in tutti noi, poteva trovarsi chiunque lì, noi, parenti o anche nostri eventuali figli o nipoti. Ma non mi sento di farne una colpa alla maestra in questione dato che non sapeva di averla contratta. Spero solo che tutto si risolvi per il meglio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!