Iscriviti

Treviso: cinquantenne muore in casa, la madre lo veglia per quattro mesi

Nella città di Treviso si è verificata una vicenda drammatica che riguarda la morte di un cinquantenne che viveva in casa con la madre di ottantadue anni: si indaga sulle cause della scomparsa.

Cronaca
Pubblicato il 5 giugno 2019, alle ore 00:22

Mi piace
1
0
Treviso: cinquantenne muore in casa, la madre lo veglia per quattro mesi

Ci sono molti aspetti da valutare in merito alla situazione drammatica verificatasi in un appartamento a Treviso. La polizia è stata chiamata a fare delle indagini e ha ritrovato il corpo della persona morta nell’abitazione. La madre avrebbe vegliato il figlio per circa quattro mesi, ma l’allarme è arrivato dai condomini che si sono resi conto della strana situazione.

I vicini hanno spiegato di sentire un odore insopportabile, ma non sono riusciti a mettersi in contatto con gli abitanti dell’appartamento, in particolare con la donna anziana. L’amministratore ha voluto risolvere la questione e ha capito che l’unica cosa giusta da fare era quella di contattare la sorella dell’uomo di cinquant’anni, che vive nella città di Milano.

Le indagini in merito a questa morte e il dramma dell’anziana donna

Dunque si è complicata la vicenda, ma la donna ha fatto ritorno a Treviso per rendersi conto di cosa sia realmente accaduto ai parenti. La donna si è fatta accompagnare dalla polizia, ma non è stato facile convincere l’anziana madre ad aprire la porta.

Dopo aver fatto dei tentativi, la sorella dell’uomo è riuscita a entrare in casa. La donna e i poliziotti sono rimasti sconvolti da ciò che hanno visto, accorgendosi di quanto fosse complessa la situazione. La scena è stata raccapricciante per via della presenza di spazzatura da ogni parte, escrementi, fino ad arrivare alla stanza dove si trova la persona cinquantenne morta nel letto.

Non sarà facile capire la dinamica della situazione, ma la polizia dovrà interrogarsi sulle cause che hanno portato alla morte dell’uomo scomparso. Il mistero s’infittisce, sebbene una delle poche certezze è che la morte del figlio dell’anziana donna dovrebbe essere avvenuta nel mese di gennaio. Questa storia dimostra tutta la disperazione dell’anziana donna, che ha dovuto assistere alla morte del figlio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano Perrotta

Gaetano Perrotta - Si tratta di una storia molto complicata, che dimostra l'emarginazione e la disperazione dell'anziana donna. Non si capiscono le cause che hanno portato alla morte del figlio, e sarà compito della polizia risolvere questo enigma. Da sottolineare il dramma della donna di ottantadue anni, che non voleva aprire la porta nemmeno alla figlia che lavora nella città di Milano.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!