Iscriviti

Trevigiano, i cavi elettrici toccano la betoniera: operaio 43enne muore folgorato

Valentino Zanutto è morto folgorato mentre lavorava con una betoniera per effettuare alcune riparazioni presso l’abitazione del custode di un’azienda vitivinicola nel Trevigiano.

Cronaca
Pubblicato il 5 novembre 2021, alle ore 19:20

Mi piace
0
0
Trevigiano, i cavi elettrici toccano la betoniera: operaio 43enne muore folgorato

Si chiamava Valentino Zanutto l’operaio di 43 anni residente a Farra di Soligo, deceduto nel pomeriggio mentre lavorava in un cantiere edile nei pressi di un’azienda agricola di Vidor, nel Trevigiano.

Secondo la prima ricostruzione fornita dai colleghi, il 43enne sarebbe stato investito da una scarica elettrica provocata dal contatto tra i conduttori elettrici ad alta tensione e il braccio meccanico della betoniera con la quale lavorava, morendo folgorato. 

L’accaduto 

Zanutto è morto sul colpo e a nulla sono valsi i soccorsi tempestivi del 118. Sul posto sono accorsi i carabinieri, Spisal e Suem. L’improvviso urto del braccio meccanico contro il palo dell’alta tensione ha causato una potentissima scarica elettrica che purtroppo non ha lasciato scampo al lavoratore padre di due figli piccoli.

Zanutto, originario di Conegliano, viveva a Farra di Soligo ormai da anni insieme alla famiglia ed era molto noto nel suo comune. Lascia la moglie e i due figli piccoli ai quali dedicava tutto il suo tempo libero fuori dal lavoro. Con altri colleghi era intervenuto nel pomeriggio di oggi presso l’abitazione del custode di un’azienda vitivinicola.

Sono stati proprio gli altri operai a chiamare i soccorsi quando Zanutto è rimasto vittima dell’incidente sul lavoro. Purtroppo, però, i soccorsi del Suem non hanno potuto fare niente per lui. Una volta giunti sul posto, hanno solo potuto constatarne il decesso. Indagano ora sulla tragedia gli agenti della stazione di Valdobbiadene insieme al nucleo Spisal dell’Usl 2.

Sconvolta l’intera comunità di Farra di Soligo che si è stretta attorno alla famiglia del giovane lavoratore. Sono tantissimi i messaggi di cordoglio degli amici sui profili social della vittima. In tanti lo ricordano come un papà premuroso e un marito affezionato. Zanutto amava viaggiare insieme ai figlioletti e alla compagna.Il giovane 43enne, purtroppo, lascia due figli piccoli e la moglie.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Gli incidenti sul lavoro mortali sono all'ordine del giorno...una vera e propria mattanza che deve essere fermata, garantendo, in primis, una maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro. Mi stringo al dolore dei familiari di Valentino Zanutto, padre e marito amorevole, strappato all'effetto dei suoi cari troppo prematuramente in quella che doveva essere una delle tante giornate di lavoro. Rip Valentino.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!