Iscriviti

Tragedia in Alto Adige: un bimbo di due anni muore cadendo nella piscina

Una giornata di divertimento in piscina si è trasformata in tragedia per una famiglia che, forse per un momento di distrazione, non si è accorta che il bambino di due anni era caduto in acqua

Cronaca
Pubblicato il 10 gennaio 2022, alle ore 10:59

Mi piace
0
0
Tragedia in Alto Adige: un bimbo di due anni muore cadendo nella piscina

Alcune tragedie non hanno spiegazione o logica. Non si sa perché accadano, ma lasciano un vuoto e disperazione nei familiari. In un momento di svago trascorso insieme ai familiari, un bambino di due anni, forse per distrazione, cade nella piscina di un hotel morendo sul colpo davanti allo sguardo inebetito e scioccato dei genitori e dei fratelli. Proviamo a ricostruire questi attimi drammatici e terribili. 

Un vero e proprio dramma si è consumato nella piscina di un albergo in Alto Adige. Una tragedia che è stata appena raccontata dai media locali non appena è successa e con un epilogo triste per la famiglia. Un bambino di due anni è morto poco dopo il ricovero in ospedale in seguito alla caduta nella piscina dell’hotel in cui si trovava insieme ai genitori. 

In seguito alla caduta, il bambino è stato rianimato immediatamente all’ospedale di Bressanone, per poi essere trasportato con l’elisoccorso presso la clinica universitaria di Innsbruck per l’aggravarsi delle sue condizioni, dove è spirato poco dopo il suo arrivo. In base alle prime informazioni, il dramma è accaduto l’8 gennaio quando era con i genitori e i fratelli nell’albergo di Naz Sciaves, in Val d’Isarco. 

La famiglia, originaria di Volturno, stava trascorrendo dei momenti di gioia nella struttura. I genitori, forse presi dal momento di divertimento o per via di una disattenzione, non si sarebbero accorti che il bambino è caduto nella piscina. Sono stati proprio i genitori a ritrovarlo, ma il bambino era ormai privo di sensi con poche probabilità di sopravvivenza.

L’allarme è scattato immediato e, con tutti i mezzi a disposizione, hanno prima portato il bambino a Bressanone per poi trasferirlo in elicottero a Innsbruck dove purtroppo non ce l’ha fatta a sopravvivere, morendo nella notte tra sabato 8 gennaio e domenica 9 gennaio, come riportano i media. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Una tragedia che, forse, si sarebbe potuta evitare se ci fosse stata un po' più di attenzione. È anche vero che i bambini sono particolarmente dinamici ed è facile distrarsi. Un momento di divertimento e di goliardia che termina nel modo peggiore per questa famiglia che deve cominciare il nuovo anno senza il loro bambino.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!