Iscriviti

Torna da scuola e trova la sua casa occupata: 62enne moldava denunciata per violazione di domicilio

A Senigallia, un ragazzo, tornato da scuola, ha trovato la sua casa occupata da una donna con addosso i vestiti della madre. La donna, regolare in Italia ma senza fissa dimora, è stata denunciata per violazione di domicilio.

Cronaca
Pubblicato il 13 novembre 2021, alle ore 18:37

Mi piace
0
0
Torna da scuola e trova la sua casa occupata: 62enne moldava denunciata per violazione di domicilio

Siamo a Senigallia, in provincia di Ancona. Immaginiamoci un ragazzo che, tornato da scuola, trova la sua casa occupata da una donna con i vestiti di sua madre addosso. Si tratta di un brutto episodio, accaduto nella tarda mattinata di giovedì 11 novembre, in via Cupetta.

 Il giovane, la cui madre era a lavoro, si è imbattuto in una 62enne di origini moldave, senza fissa dimora, che si era stabilita nella sua abitazione a pochi passi dall’ospedale. La donna, classe 1959, regolare in Italia, è stata, in seguito, denunciata dai carabinieri per violazione di domicilio.

L’accaduto 

 

Il ragazzo, figlio della proprietaria dell’appartamento con cui vive, ha pensato inizialmente che ci fosse un ladro intento a rubare nell’abitazione. Invece si era intrufolata all’interno una donna senza fissa dimora che, da tempo, era stata vista gironzolare in prossimità della casa e ora è finita nei guai per l’occupazione abusiva.

Secondo la ricostruzione, la donna avrebbe utilizzato un mazzo di chiavi secondario, custodito in una scatola nascosta in veranda. L’occupante abusiva, una volta entrata nell’appartamento, si è sentita libera di fare come se fosse a casa sua, facendosi una doccia, indossando i vestiti della proprietaria, mangiando il brodo che quest’ultima aveva preparato per quando la famiglia si sarebbe riunita.

Si è persino riposata, fino all’arrivo prima del giovane studente, poi delle forze dell’ordine, insistendo che quella fosse la sua casa, fino al prezioso intervento dei Vigili del Fuoco. Al loro arrivo, la donna si è barricata in una delle stanze. L’occupante, dopo una complessa procedura, è stata fatta uscire di casa, ed i Carabinieri di Senigallia, sotto la guida del capitato Francesca Romana Ruberto, hanno provveduto a far scattare, nei suoi confronti, la denuncia per violazione di domicilio.

Il racconto della proprietaria di casa 

La proprietaria di casa, infermiera di professione, ha raccontato: Questa signora è un po’ che la vediamo in giro, a volte dorme in ospedale. La mattina l’ho vista in giardino che mangiava un caco e l’ho pure salutata poi quando mio figlio è tornato da scuola ha chiamato i carabinieri perché non riusciva ad entrare in casa“.

 L’intrusa era convinta che quella fosse davvero casa sua. In un primo momento, certa di essere nel giusto, non voleva andarsene poi però si è convinta e si è anche scusata con la proprietaria. “Non ha rotto o danneggiato nulla – ha proseguito l’infermiera – non ha nemmeno preso altro a parte i vestiti che indossava e che ho lasciato portasse via. Non avrei voluto denunciarla perché è una persona che ha dei problemi e indubbiamente andrebbe aiutata ma, siccome non è la prima volta che ce la ritroviamo nei pianerottoli e in giardino, ho presentato una querela”.

La donna è stata poi accompagnata in caserma dove è stata denunciata a piede libero, a seguito della querela, e poi rimessa in libertà. Nella zona dell’ospedale dove si aggira ultimamente, si aspettano di ritrovarla di nuovo. Anche la casa di via Cupetta, dove ieri si è introdotta abusivamente, si trova poco distante dal nosocomio cittadino. Si aggira sempre da quelle parti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una denuncia per violazione di domicilio nei confronti di una senza fissa dimora è una di quelle vicende che non si vorrebbero mai sentire. Mi dispiace moltissimo per questa povera donna che dovrebbe essere aiutata dalle istituzioni. A volte la disperazione porta a compiere gesti come questi ma la capisco e le sono vicino.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!